Borse a picco con le banche, l’Europa ha già perso 1000 miliardi

 

borsa1Un’altra giornata da brividi sui mercati azionari. Indici a picco trascinati dalle banche. Ma le vendite sono generalizzate, nessun comparto viene risparmiato. In Europa l’indice Eurostoxx 600 accusa un calo dell’1,56%, mandando in fumo quasi 145 miliardi di euro. Dall’inizio dell’anno il conto è salatissimo. La capitalizzazione dei mercati azionari del vecchio continente ha visto andare in fumo l’equivalente di 1.085 miliardi di euro.

Nell’ultima parte di seduta la pressione delle vendite si è leggermente allentata ma il bilanciop resta molto pesante. Anche oggi Milano maglia nera a causa del peso del settore bancario. L’indice Ftse Mib ha chiuso con una contrazione del 2,77% dopo aver toccato il 4%.Banche sotto tiro. Banco Popolare accusa uno scivolone di quasi il 10%, Ubi -9% e Bper -8,20%. Mps lascia sul terreno oltre il 6%, UniCredit il 5,90%.

Anche nel resto d’Europa il mondo del credito è bersaglio delle vendite. Deutsche bank ha perso il 6%, a Madrid Santander e Bankia oltre il 4%, alla City maglia nera è Barclays con un tonfo del 5%.

Milano la peggiore in Europa ma Madrid accusa un calo del 2,40%, mentre Francoforte, Parigi e Londra riescono a contenere le perdite sotto il 2%.Gli investitori scappano dall’azionario per parcheggiare la liquidità verso asset sicuri. Consolida la risalita l’oro e soprattutto acquisti sui bond governativi con spiccata preferenza per i Bund tedeschi. Il decennale mostra un drastico calo del rendimento allo 0,27%. Acquisti anche sui Btp italiani che vedono scendere il rendimento all’1,43%.

A condizionare la seduta ancora le preoccupazioni sulla crescita della Cina e la debolezza del petrolio che è sceso di nuovo sotto i 30 dollari al barile. Ma a render il quadro a tinte ancora più plumbee i dati americani con la frenata dell’indice Ism non manifatturiero che potrebbe complicare i piani della Federal Reserve di progressivo rialzo dei tassi. E per il presidente della Fed Dudley “l’apprezzamento del dollaro e le turbolenze sui mercati finanziari potranno avere conseguenze di cui tener conto“.

Inoltre i risultati trimestrali delle società nel complesso sono deludenti. E quando sono migliori delle aspettative il copione non cambia, come nel caso di GM con un utile netto di quasi 10 miliardi nel 2015 ma a Wall Street perde quasi il 4%.  (askanews)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -