UE: misure contro la Grecia per la gestione dei presunti profughi

grecia-lesbo-profughi3

1 feb. – La Commissione europea proporrà domani misure per la povera Grecia affinché possa rimediare alle “gravi lacune” nella sua gestione del flusso di migranti alla frontiera con la Turchia e ai confini dello spazio Schengen. Si tratta di un nuovo passo formale nella procedura che potrebbe autorizzare, a breve termine, certi paesi a ripristinare i controlli alle frontiere interne nello spazio Schengen per un periodo eccezionalmente lungo, fino a due anni.

Il collegio dei commissari europei “proporrà una raccomandazione al Consiglio (dove sono rappresentati gli Stati membri di Schengen, ndr) con misure per porre rimedio alla situazione” in Grecia, ha detto oggi in conferenza stampa il portavoce del esecutivo Ue, Margaritis Schinas. Ma il contenuto di questa prima raccomandazione, che sarà adottata dai Commissari riuniti a Strasburgo durante una sessione plenaria del Parlamento europeo, non sarà pubblico e sarà “abbastanza generico”, mentre le misure più dettagliate saranno proposte in seguito, ha aggiunto il portavoce.

Di fatto, l’incontro di domani segnerà l’adozione formale di un rapporto di condanna di Atene, le cui conclusioni sono state presentate mercoledì scorso dalla Commissione. Nel frattempo, un comitato di esperti degli Stati membri ha dato il via libera per il proseguimento della della procedura. Il rapporto, basato su una visita compiuta in loco a novembre, ha concluso che la Grecia ha “gravemente trascurato i suoi obblighi” nella gestione della sua frontiera esterna dello spazio Schengen, compromettendo il funzionamento dello stesso spazio di libera circolazione.

La Grecia è diventata la porta d’ingresso di un massiccio e disordinato flusso di migranti verso l’Ue, in assenza di procedure di “identificazione e (di) numeri di registrazione di migranti irregolari”. Nel rapporto si spiega inoltre che “il rilevamento delle impronte digitali non avviene sistematicamente” e “i documenti d’identità non sono regolarmente controllati per verificarne l’autenticità”.(fonte Afp)


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!
IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal
 



 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -