“Se qualcuno vi vuole uccidere, uccidetelo per primi”

“Se qualcuno vi vuole uccidere, uccidetelo per primi”

A Colonia la gente si iscrive al corso di krav maga. Questa tecnica di combattimento, in cui sono ammessi tutti i colpi ,è in forte espansione dopo le molte aggressioni che hanno avuto luogo la sera di San Silvestro.

krav-maga

All’indomani delle aggressioni di Capodanno, durante le quali centinaia di donne sono state aggredite di fronte alla stazione ferroviaria di Colonia da una folla compatta di giovani uomini originari principalmente dell’Africa del Nord e del Medio Oriente, Meni Plouska ha reagito: “Ho subito comprato lo spray al pepe, prima d’iscrivermi a questo corso di krav maga, dice questa tedesca di origine greca di 43 anni. Voglio essere in grado di difendermi per strada e di aiutare le persone bisognose.”

Dall’inizio dell’anno, le scuole d’arte marziale non riescono più a rispondere alle domande dei privati che vogliono seguire dei corsi. “Registriamo un vero boom. Riceviamo tra le 15 e le 20 domande al mese da parte di donne che vogliono inscriversi da noi, afferma Tana SCHULTE, una psicologa che, nel tempo libero,  prepara gli amanti del Krav Maga, un sistema di autodifesa messo a punto dall’esercito israeliano. Dall’inizio dell’anno, noi riceviamo dalle 20 alle 40 chiamate al giorno. “Il fondatore del Club Mein Crossfit conferma questo interessamento sofferto “il numero dei nostri aderenti è passato da 200 a 300 in un anno e siamo oggi sommersi da domande, si compiace Chris SCMIDT, che ha lavorato per 11 anni nella Polizia. Il nostro sito internet attira in questo momento 6.000 click al giorno, contro i 400 abituali”: “Se qualcuno vi vuole uccidere, uccidetelo per prima”.

“Se qualcuno vi vuole uccidere, uccidetelo per prima”.

La maggior parte delle donne che chiama il centro non cerca di imparare il karate e judo. Esse vogliono quasi tutte seguire una formazione di Krav maga. Questo metodo di auto-difesa, che viene utilizzato sia da forze speciali della Legione straniera che da parte del GIGN, la marina, la DEA, FBI, e le SAS, tuttavia, non è “femminile” . “Non è un’arte marziale come tale perché tutto è permesso, riconosce Chris Schmidt. Il Krav è veloce, duro e sporco. Passiamo il nostro tempo dando calci e pugni. Questo non è davvero carino da vedere, perché la violenza non è bella da vedere. Il nostro motto è semplice: se qualcuno viene a ucciderti, uccidilo prima! ”

Questa “professione di fede” sta attirando sempre più donne di Colonia. Molti abitanti della città non nascondono più la loro paura. “Io vivo da cinque anni a Colonia e la situazione continua sempre a peggiorare, si rammarica Biricim Ates, che è venuto a” combattere “con la madre e la sua migliore amica. Sto cominciando ad avere paura di uscire la sera dopo 20 ore. Ho lavorato in un centro per richiedenti asilo. Ho quasi vissuto con questi migranti. Ho visto come i siriani e iracheni mangiavano, come hanno dormito, come si comportavano l’uno con gli altri. Beh, posso dirvi che la situazione continuerà a peggiorare, soprattutto con l’arrivo dell’estate. E siccome io non voglio cambiare il modo di vestire o evitare di camminare nelle strade buie di notte, ho scelto di seguire i corsi di Krav Maga. ”

Donne di tutte le età e di tutte le origini sociali sembrano avere la stessa logica. “pensavo da molto di iscrivermi a questi corsi, e gli attacchi del nuovo anno mi hanno convinto a fare il grande passo con mio marito, riassume Andrea, una consulente cinquantenne. E ‘veramente orribile quello che è successo, quando si pensa che devo attraversare quasi ogni giorno la stazione ferroviaria della città. Questo fa davvero paura … “Questi timori sono un affare per il club di sport da combattimento. Armerie e negozi di sport hanno esaurito le riserve di spray al pepe. La Colonia disinvolto e allegra ha perso il suo candore.

Frédéric Therin (à Cologne)  –  www.lepoint.fr



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -