Utero in affitto: una nuova schiavitù

utero-affitto2

Due cose sole si vogliono notare in questo breve articolo:

come due maschi gay, per produrre un figlio artificialmente, frammentano il più possibile la figura materna, comperando l’ovulo di una donna e affittando l’utero di un’altra donna, così che la presenza di due madri, annulli, se possibile, la forza della maternità,

così coppie naturali e coppie gay, ricche e benestanti, ricorrono spesso a donne nere, non solamente perchè esse sono più povere e più disponibili, ma anche per rendere più evidente l’assenza di legame genetico tra concepito e madre gestazionale.

In entrambi i casi coloro che comperano i bambini sanno bene di andare contro la natura, e di dover in ogni modo ridurre, come possibile, il danno che stanno facendo ai “loro” figli.

Ma nessuno toglie questo danno, come nessuno ripagherà le donne che sono state costrette dal bisogno a vendere il loro corpo non per una sera, ma per 9 mesi.
Di seguito una pagina da Baby Business, di Debora Spar, docente di economia ad Harvard, che ha analizzato, senza giudizi, ma solamente da un punto di vista economico, il grande mercato dei bambini prodotti con fiv

www.libertaepersona.org

utero-affitto

 



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -