Svizzera, stipendio di 2.230 euro a tutti i cittadini: referendum a giugno

 

Euro4Un reddito di cittadinanza da 2.230 euro al mese per ridurre la povertà. E’ la proposta di legge svizzera che verrà sottoposta ad un referendum il prossimo giugno. Non si tratta di un sussidio di disoccupazione, perché nell’idea dei proponenti a ricevere questi soldi saranno tutti i cittadini svizzeri, sia che abbiano un lavoro sia che non lo abbiano. Il piano è stato proposto da un gruppo di intellettuali.

Se venisse approvato renderebbe la Svizzera il primo Paese al mondo a pagare tutti i suoi cittadini a prescindere dal fatto che lavorino o no. Ma l’iniziativa non ha riscosso un grande successo tra i politici, sia di destra sia di sinistra, anche se il referendum è stato approvato e il quesito verrà proposto agli elettori il prossimo 5 giugno.

L’iniziativa prevede non solo che ogni maggiorenne svizzero riceva oltre 550 euro alla settimana, ma anche che ogni bambino riceva 130 euro alla settimana. Secondo le stime del governo federale la proposta dovrebbe costare allo Stato circa 208 miliardi di franchi (188 miliardi di euro) all’anno. Di questi, 153 miliardi di franchi verranno riscossi attraverso le tasse, mentre 55 miliardi di franchi arriveranno dalla spesa per i servizi e l’assistenza sociale.

Il gruppo che ha proposto questo reddito di cittadinanza (una cerchia di artisti, intellettuali e scrittori) ha citato uno studio che mostra come la maggioranza dei cittadini svizzeri continuerà comunque a lavorare anche se la proposta di legge verrà approvata. Dai sondaggi, però, emerge un altro dato: per oltre la metà degli intervistati (il 56%) la proposta non diventerà mai legge.

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -