Mosca contro la Merkel: “Insabbiato lo stupro di una 13enne russa”

 

putin-merkelÈ un mezzo caso diplomatico quello sollevato da Mosca, convinta che le autorità tedesche abbiano fatto tutto il possibile per nascondere lo stupro di una 13enne, sequestrata in una stazione della metropolitana e violentata.

“Chiudere un occhio sui reati dei migranti”, scandalo travolge la polizia tedesca

Secondo i russi, Lisa, una ragazzina di origini russe, sarebbe stata rapita l’11 gennaio a Berlino Est e poi picchiata e violentata per 30 ore. Il racconto della 13enne parla di tre persone e sembra sicura che fossero di “Paesi del sud”, perché “parlavano un cattivo tedesco”. Forse turchi.

Martedì la questione ha assunto ben altri termini, quando a parlare della vicenda è stato il ministro degli Esteri russo, Sergiei Lavrov, che ha apertamente sfidato la ricostruzione fatta finora dalla polizia (che ha l’ordine di non calcare la mano sui crimini dei cosidetti “migranti”), sostenendo di non credere che la 13enne sia “sparita per 30 ore volontariamente”.

Secondo i tedeschi ci sarebbero indicazioni che farebbero pensare a un “contatto sessuale consensuale”.

Netta la risposta del cancelliere Angela Merkel, Steffen Seibert, il quale ha detto ieri che “è inaccettabile che questo incidente sia sfruttato politicamente”, chiedendo ai russi di non entrare in una questione interna di un altro Paese e lasciare che la giustizia faccia il suo corso.

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -