“Chiudere un occhio sui reati dei migranti”, scandalo travolge la polizia tedesca

 

germania-poliziaNuovo scandalo travolge la polizia tedesca, dopo le polemiche sull’inefficienza di Colonia e le accuse di insabbiamento, arrivate addirittura da Mosca, su casi di violenze a sfondo sessuale compiute da migranti. Con grande enfasi il tabloid Bild titola oggi: ”Nuovo scandalo nella polizia” e mostra l’immagine di un documento ciclostilato.

Si tratta di una circolare interna dell’ottobre 2015 con la quale la direzione della polizia di Kiel chiede agli agenti di chiudere un occhio sui reati cosiddetti minori commessi dai migranti, compresi taccheggi e danni materiali e di non procedere a verbali scritti. Questa prassi deve trovare applicazione quando il personale di polizia non è in grado di ottenere subito o in un lasso di tempo di 12 ore le generalità della persona fermata, cosa che accade spesso con i migranti che non hanno con loro i documenti. Nel caso invece di reati più gravi e di violenze fisiche, i dati personali devono essere rintracciati e registrati. Le disposizioni per Kiel restano in vigore fin quando non saranno diramati ordini per tutto il Land dello Schleswig-Holstein.  IL nord



   

 

 

1 Commento per ““Chiudere un occhio sui reati dei migranti”, scandalo travolge la polizia tedesca”

  1. Vergogna ! Vergogna! Se diciamo noi una parola che non è politicamente corretta, ci rompono i coglioni, mentre gli immigrati possono fare quello che hanno voglia! Che schifo !

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -