La UE provoca la Russia: controlli sui diritti umani in Crimea

 

putin11STRASBURGO – Una delegazione creata ad hoc, e guidata dal diplomatico svizzero Gerard Stoudmann, inizia oggi la sua missione in Crimea per valutare se i diritti umani degli abitanti della Penisola sono rispettati. Lo annuncia il segretario generale del Consiglio d’Europa, Thorbjorn Jagland.

“In Crimea vivono più di 2 milioni e mezzo di persone, che come tutti gli abitanti dei 47 Stati membri del Consiglio d’Europa, hanno diritto alla protezione offerta dalla convenzione europea dei diritti umani” afferma Jagland. “Tuttavia – aggiunge il segretario generale – è più di un anno che nessuna delegazione di un organismo internazionale è stata in grado di entrare in Crimea”. La missione della delegazione è quindi di stabilire se i diritti umani degli abitanti sono rispettati, incluso quello alla libertà d’espressione e dei media, la libertà d’associarsi e manifestare, i diritti delle minoranze, e quello all’autonomia locale. Inoltre saranno valutate le condizioni dei detenuti e quanto fatto sul fronte della lotta alla corruzione.

“La missione sarà condotta in piena indipendenza e non ha come mandato quello di esprimersi su questioni legate allo status territoriale della Crimea” sottolinea Jagland. Alla fine della missione la delegazione presenterà a fine febbraio, inizio di marzo, un rapporto al segretario generale del Consiglio d’Europa. ansa



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -