Accuse dagli USA: molti alleati della coalizione non combattono Isis

 

usa-isisDiversi membri della coalizione contro lo Stato islamico (Isis) in Iraq e Siria non fanno “nulla” per contribuire alla distruzione dei jihadisti. L’accusa è arrivata dal segretario alla Difesa Usa Ashton Carter.

E’ la prima volta che il capo del Pentagono assume una posizione così dura rispetto agli alleati, di solito descritti tutti impegnati nella lotta all’Isis. “Molti di loro non fa abbastanza, o non fa proprio nulla”, ha detto Carter in un’intervista alla Cnbc a margine del World Economic Forum a Davos, in Svizzera. “Noi possiamo fare molto da noi…ma stiamo cercando altri che facciano la loro parte”.

In un’altra intervista a Bloomberg TV, il capo del Pentagono ha definito il raggrupamento di paesi contro l’Isis una “cosiddetta” coalizione, sottolineando così la frustrazione del Pentagono.

Carter ha più volte sottolineato la necessità che uno specifico partner, la Turchia, rafforzi il suo impegno contro l’Isis. Ankara permette l’uso della base aerea di Incirlik, vitale per l’impegno militare. Tuttavia, finora, il canale che ha permesso ai jihadisti di raggiungere le aree di conflitto, passa per i suoi confini.

“La Turchia è un amico da lungo tempo”, ha detto Carter parlando a Davos. Ma “la realtà è” che il suo confine “è stato poroso ai foreign fighter”. Carter ha inoltre sottolineato che c’è una “lista non piccola” di paesi che “potrebbero dare un contributo distintivo, unico e necessario per sconfiggere l’Isis.

Il riferimento è ad alcuni paesi arabi e del Golfo che sono nominalmente nella coalizione, ma di fatto sono più che altro impegnati nella coalizione contro i ribelli sciiti in Yemen, i quali sono sostenuti dall’Iran. “

today.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -