PEZZI – Racconti di vita, tradizioni, folklore

 

ROSA-pezziLa raccolta Pezzi è un mosaico di racconti. Undici storie in cui l’autore narra i miti della sua terra. Un Abruzzo che ricorre continuamente in queste pagine ora come “regione aspra”, ora come “tana”. Un Abruzzo arcaico in cui riaffiorano tradizioni popolari e religiose al limite dell’animismo.
Fiabe noir utilizzate come chiave di lettura per capire il mondo, immerse in storie d’amore complesse, tra un lui “fascio” e una lei comunista, o impossibili, tra un cattolico inquieto e una sfegatata mangiapreti.

Nella raccolta non mancano riferimenti alla splendida Firenze, città in cui l’autore è cresciuto, come nel gustoso bozzetto “Gino e la volpe” e nella beffarda “L’ultima Zingarata” dove viene fuori tutto il cinismo toscano.

Nelle pagine di Domenico Rosa trova spazio anche la Storia con la S maiuscola nel racconto “O cummannà è meglj r’o fott’r”. Qui l’autore non nasconde le sue tesi revisioniste nei confronti del Risorgimento ufficiale.
Un viaggio, insomma, tra racconti al sapore di un passato prossimo così vicino eppure così sfuggente. Un viaggio tra il sacro e il profano, quando il sacro e il profano si mescolano ed è subito magia. Un viaggio dentro le ricette prosaiche di paese, quelle che in Abruzzo hanno un gusto un po’ più autentico con un assaggio dell’arguzia e dell’ironia toscana. Ma, soprattutto, un viaggio dentro un autore che è esso stesso una strada, un percorso, un sentiero.

In copertina illustrazione di Alessandra Dell’Anna Peccarisi

[ISBN-978-88-7475-478-6]

Pag. 72 – € 8,00 – -  ACQUISTA >>>>

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -