Kerry rassicura la dittatura sanguinaria: “solide relazioni con l’Arabia Saudita”

 

Il segretario di stato Usa John Kerry torna a rassicurare l’Arabia Saudita. Le relazioni tra Washington e Riad, ha detto Kerry lasciando il paese, restano “solide”.

kerry-saudi

La nostra, ha aggiunto, è “Una relazione solida, un’alleanza chiara e una forte amicizia”, anzi i rapporti tra i nostri due paesi non sono “mai stati” tanto buoni.

Nella visita in Arabia, Kerry già ieri aveva provato a sgombrare il campo da tutte le nubi gravanti sul rapporto tra i due paesi dopo la fine delle sanzioni all’Iran. Dopo aver incontrato il suo omologo saudita Ader al Jubeir a Riad, il capo della diplomazia americana ha detto ieri che gli Usa sono “ancora preoccupati” dalle attività della Repubblica islamica.

“Gli Stati uniti restano preoccupati su alcune delle attività che l’Iran svolge in altri paesi”, ha detto Kerry parlando coi giornalisti, citando come esempio “il sostegno a gruppi terroristici come Hezbollah”.

Le dichiarazioni di Kerry sono volte a tranquillizzare il regno saudita, preoccupato che l’accordo sul nucleare tra Washington e Teheran possa portare a un cambio delle alleanze nella regione. L’Iran sciita è il principale concorrente nel mondo islamico del regno wahhabita. Riad ha rotto le relazioni diplomatiche con Teheran, dopo che manifestanti infuriati hanno saccheggiato l’ambasciata saudita in seguito all’esecuzione nel paese del Golfo dell’imam sciita Nimr al Nimr.Jubeir ha accolto le dichiarazioni rassicuranti di Kerry. “Io non vedo un mettersi assieme di Usa e Iran. L’Iran rimane il principale sponsor mondiale del terrorismo”, ha detto il ministro.

“Nel complesso – ha continuato – io penso che gli Stati uniti siano assolutamente consapevoli del pericolo creato dalle malefatte e dalle attività nefaste dell’Iran… Io non credo che gli Usa siano sotto alcuna illusione su che tipo di governo è l’Iran”. (askanews)


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal



 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -