L’Austria chiude le frontiere e i profughi respinti tornano a Milano

 

 

austria-immigrAustria, Slovenia e Crozia hanno deciso di aumentare i controlli alle frontiere e molti profughi – che da Milano transitano per comodità – sono costretti a tornare in città, dove le comunità di connazionali sono di solito numerose.

Sono afgani e pakistani perlopiù. Il fenomeno, se confermato, potrebbe creare non pochi problemi al sistema di accoglienza milanese. E’ preoccupato Alberto Sinigallia, presidente di Fondazione Progetto Arca, la onlus che gestisce l’hub di smistamento alla Stazione Centrale.

Intervistato da Il Giorno ha dichiarato che “sarebbe una situazione molto difficile da gestire: un conto è ospitare decine di migliaia di persone per tre-quattro giorni con un turnover continuo, un altro è tenerle per giorni e giorni”. Paure condivise anche da Annamaria Lodi, presidente della cooperativa Farsi Prossimo, sentita dal quotidiano meneghino: “Il rischio che si crei una sorta di ‘tappo’ a Nord esiste anche se stiamo cogliendo segnali che sembrano preannunciare un cambiamento rispetto al passato. Dal Sud arriva sempre meno gente: iniziano a funzionare gli hotspot in Sicilia”.

milanotoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -