Bologna, 3 rapine al giorno: vittime dei nordafricani sono spesso le donne sole

 

1120 rapine nel 2015, 420 sono gli autori denunciati o arrestati, ma 700 sono rimasti ignoti. In pratica 3 al giorno. Un dato simile a quello del 2014, ma che si presta a una doppia lettura: non sono aumentate, ovvero non diminuiscono nonostante l’impegno a contrastare il fenomeno.

coltell“L’oggetto del desiderio” è sempre più lo smartphone (quando è ben visibile) e le vittime sono spesso donne sole, stando alle denunce presentate a Polizia, Carabinieri e Municipale di Bologna e provincia, ma si assiste a una radicalizzazione del fenomeno: sono commesse in centro città perlopiù da soggetti nordafricani, spesso armati di coltello.

“L’impegno delle Forze dell’Ordine è massimo – ha risposto ai cronisti il procuratore aggiunto Valter Giovannini, coordinatore del gruppo criminalità comune “ma le indagini sono molto difficili, trattandosi di cani sciolti dello spaccio e delle rapine”. Non si tratta appunto di organizzazioni criminali, ma di soggetti che agiscono “in proprio”, quindi coloro che praticavano solitamente lo spaccio, sono oggi i nuovi rapinatori.

L’aumento degli immigrati clandestini sul territorio e quindi dei soggetti dediti allo spaccio su strada, anche per brevi periodi, rende meno redditizia questa “attività”, così si cambia direzione. Inoltre la normativa vigente manda difficilmente in carcere gli autori, che spesso sono soggetti sconosciuti per i quali viene disposto l’obbligo di dimora, sistematicamente violato.

bolognatoday.it



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -