Torino: Sparò al Rom che tentò di investirlo, poliziotto a processo

 

PoliziaPoliziotto sparò a rom che tentò di investirlo, ora sarà processato mentre lo zingaro ha continuato a delinquere. Il Coisp: “Ancora una volta veniamo criminalizzati per aver fatto il nostro dovere.”

“L’ennesimo collega finito nei guai per aver fatto il proprio dovere, e l’ennesima beffa di vedere, invece, che intanto chi delinque torna alle proprie attività illegali con ‘tante scuse’ da parte di un sistema che conosce la severità solo quando ha a che fare con persone che portano una divisa. Il solito chiaro invito a ‘girarsi dall’altra parte’… com’è evidente che certe persone non hanno mai visto un’auto dirigersi loro contro a tutta velocità! Eppure, se un delinquente cerca di ucciderti pur di fuggire un motivo ci sarà, o no? Ma forse dovremmo arrestare solo quelli che ci porgono i polsi spontaneamente”.

Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, commenta la notizia giunta da Torino, dove la Procura ha chiesto il processo per lesioni personali colpose a carico di un Poliziotto che, nel 2013, rischiò di essere investito e ucciso dopo che due auto, non fermandosi all’alt, fuggirono dando vita a un pericoloso inseguimento. L’Agente, in quei frenetici attimi, sparò verso i mezzi che si erano dati alla fuga, ed uno dei colpi raggiunse alla schiena un rom che guidava una delle auto, risultata rubata qualche giorno prima, e che per questo rimase a lungo ricoverato presso l’Unità spinale.

Come riferisce la stampa lo stesso rom, accusato per quell’episodio di furto d’auto e resistenza aggravata, e che secondo la ricostruzione del pm avrebbe subito “la perdita irreversibile dell’uso degli arti inferiori”, ad aprile del 2015 è stato però fermato alla guida di un’auto senza assicurazione, e nel novembre seguente è stato protagonista di un altro rocambolesco inseguimento, protrattosi per ben 28 chilometri!!!!

La pubblica accusa, per parte sua, ha chiesto di processare il Poliziotto che avrebbe “agito con imprudenza e imperizia” poiché avrebbe “indirizzato i colpi in rapida successione su bersagli di ridotte dimensioni (i pneumatici) in repentino allontanamento ed in direzione obliqua rispetto alla sua posizione di tiro”, con l’aggravante di “aver agito nonostante la previsione dell’evento dal momento che le condizioni sopra descritte (orario notturno, illuminazione insufficiente) rendevano probabile il verificarsi del ferimento di qualcuno degli occupanti dei veicoli”.

“Ed in effetti il collega è stato davvero imprudente… ma come gli sarà venuto in mente di farsi quasi investire in piena notte – dice caustico Maccari -! E quale imperizia tentare di fermare due auto fuggite all’alt, pur se non sapeva neppure per quale motivo! E poi… sparare agli pneumatici… ma come ha potuto? Ben gli sta di finire sotto processo. Così la prossima volta impara a non accettare turni notturni, a non tentare di fermare poveri delinquenti con il rischio di arrecargli un qualche danno, rappresentando così un ostacolo alla loro carriera criminale! Poveri ladri di grande valore e coraggio, che riescono a tener fede al proprio mandato malavitoso nonostante tutto, persino guidando per un inseguimento di 30 chilometri nonostante una paralisi totale alle gambe!”.

COMUNICATO STAMPA COISP


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal



 



   

 

 

2 Commenti per “Torino: Sparò al Rom che tentò di investirlo, poliziotto a processo”

  1. Che dire?Purtroppo se lo dicessi potrei essere denunciato,ma è facilmente immaginabile!
    Tutta la mia stima e solidarietà all’agente che si è semplicemente DIFESO IN MODO LEGITTIMO!

  2. La politica si fa non solo per mezzo del Parlamento, eletto dal popolo, che fa le leggi, ma anche con la loro applicazione, attraverso la magistratura che le applica.
    Ma cosa succede se si crea una “loggia” di magistrati che s’inventano le leggi, o non applicano le leggi dello Stato, perchè contrarie alle loro idee politiche oppure perchè vengono corrotti?
    Nulla, i magistrati, non rischiano nulla e non sono controllati dal popolo che non può cacciarli.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -