Iraq, tre contractor americani rapiti in un bordello

 

usa-ContractorBaghdad – I tre americani dispersi a Baghdad da venerdi’ sono stati sequestrati in un “appartamento sospetto” di al-Doura, quartiere alla periferia meridionale della citta’ dominato dagli estremisti sunniti, e considerato una delle aree piu’ pericolose dell’intero Paese: lo ha riferito un portavoce del comando operativo che sovrintende alla sicurezza nella capitale irachena. L’espressione ‘appartamento sospetto’ nel linguaggio burocratico allude a un bordello.

I tre sarebbero contractor, anche se ne’ le autorita’ locali ne’ quelle Usa hanno finora fornito elementi sul loro conto, a parte la nazionalita’. Secondo fonti del comando operativo, potrebbero essere stati traditi dal loro stesso interprete iracheno. I tre sarebbero infatti stati “sequestrati non per strada, ma in un appartamento sospetto dove c’erano donne e alcol”. Quest’ultimo sarebbe stato allestito in casa dell’interprete, e sarebbe stato proprio lui a condurvi gli americani: a quel punto avrebbero fatto irruzione miliziani che indossavano uniformi di ordinanza, e li avrebbero portati via. (AGI)


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal



 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -