Migranti, Giudice costituzionale tedesco: Merkel ha violato la Costituzione

 

Anche i giudici costituzionali tedeschi scaricano la Merkel: la sua politica dei “confini aperti” viene considerata in contrasto con la Costituzione tedesca, che richiede ai politici di preservare la Repubblica nella sua forma attuale, mentre lascia ai cittadini il diritto di opporre resistenza nel caso questa rischi di essere sovvertita. VOCI DALL’ESTERO

 angela-merkel

di Nick Hallett, 12 gennaio 2016

 Uno dei più autorevoli giudici costituzionali tedeschi ha detto che il governo di Angela Merkel sta violando la costituzione del paese evitando di proteggere i propri confini.

In un rapporto commissionato dall’alleato della Cancelliera Merkel, l’unione dei cristiani sociali (CSU), Udo di Fabio dice che il governo federale è costituzionalmente obbligato a prendere il controllo della sicurezza delle frontiere se le istituzioni europee non lo fanno.

Il signor. Di Fabio, che proviene egli stesso da una famiglia di immigrati, aggiunge che il travolgente afflusso di migranti e la successiva sospensione della convenzione di Dublino, implica che il governo tedesco sia obbligato a intervenire, ma finora non è riuscito a farlo adeguatamente. Quindi, ha commesso una “storica violazione della legge,” riferisce N-TV.

Attaccando gli appelli della Merkel a mantenere aperti i confini per compassione dei rifugiati in fuga da guerre e persecuzioni, egli aggiunge:

“La legge fondamentale non garantisce la protezione di tutte le persone in tutto il mondo attraverso permessi di ingresso legale o de facto.”

Il rapporto sarà di particolare interesse per le autorità tedesche dal momento che l’articolo 20, paragrafo 4, della Costituzione tedesca dice che i cittadini hanno il diritto di “resistere” a qualsiasi persona che cerchi di violare l’ordine costituzionale del paese, “se nessun’altra alternativa è disponibile”.

Dice così: “Tutti i tedeschi hanno il diritto di resistere a qualsiasi persona che cerchi di abolire questo ordine costituzionale, se nessun’altra alternativa è disponibile “.

Breitbart London descriveva in ottobre un gruppo di cittadini che sta già cercando di depositare accuse penali contro Angela Merkel per la sua politica di frontiere aperte. La Procura federale di Karlsruhe ha ricevuto oltre 400 lettere che chiedevano di aprire un’indagine formale per stabilire se il cancelliere tedesco ha commesso alto tradimento.

Le lettere sostengoni che, secondo il diritto tedesco, chiunque tenti di cambiare la Repubblica tedesca con la forza o la minaccia della forza è colpevole di tradimento, e che lasciar entrare centinaia di migliaia di migranti soddisfa questa condizione poiché cambiao proprio l’identità della Repubblica.

Citando l’articolo 20, paragrafo 4, la lettera proforma afferma che per “salvaguardare la nostra identità” l’obiettivo è “rovesciare il cancelliere”.

La relazione dell’onorevole di Fabio è stata commissionata dal partito bavarese Unione Cristiano-sociale, che è in permanente coalizione con i cristiano-democratici della Merkel. Sono aumentate le tensioni tra la regione e il governo federale riguardo la gestione della crisi dei migranti, con Presidente bavarese Horst Seehofer che chiede una linea molto più dura.

All’inizio di questo mese egli ha richiesto un limite massimo di 200.000 richieste di asilo all’anno dopo che oltre un milione di persone è entrato nel paese nel 2015.

“La limitazione del numero di migranti dovrà essere l’obiettivo principale nel 2016,” ha detto.

“Questo numero (di 200.000) è tollerabile e, in tal caso, anche l’integrazione funzionerebbe correttamente. Per me, qualsiasi numero più alto è eccessivo.”



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -