Isis dimezza i salari ai combattenti stranieri per “circostanze eccezionali”

 

isis-tvL’Isis ha deciso di dimezzare i salari dei foreign fighters, a fronte di “circostanze eccezionali”, conseguenze dei continui raid aerei della coalizione internazionale, che stanno colpendio i pozzi petroliferi, principale strumento di finanziamento del gruppo jihadista.

Lo rivela l’Independent, pubblicando un documento diffuso a Raqqa dal “Bayt Mal”, il sedicente ministero delle finanze del califfato.
Nel documento si precisa che il taglio del 50% riguarda “tutti i mujaeddin, senza eccezione, qualunque sia lo status” del combattente. Gli stipendi “continueranno ad essere versati con scadenza quindicinale”, come e’ sempre stato, aggiunge il testo.

Di recente, l’amministrazione Obama ha affermato che le operazioni militari degli ultimi tempi stanno seriamente danneggiando le capacita’ di autofinanziamento del gruppo e ha annunciato un aumento degli attacchi. Anche gli ultimi raid aerei britannici sulla Siria si stanno concentrando sui giacimenti petroliferi controllati dai jihadisti. L’11 gennaio i caccia americani hanno centrato un deposito di denaro a Mosul: il Pentagono ha diffuso immagini i cui erano visibili migliaia di banconote che volavano in aria e il generale Lloyd Austin, capo del Comando centrale Usa, ha assicurato che il bombardamento aveva distrutto “milioni di dollari”. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -