Licata: minori disabili in catene e senza cibo, arrestata la responsabile del centro

 

bimbo-picchiato Legati al letto, privati del cibo e sottoposti a maltrattamenti di natura fisica e psicologica in un centro di accoglienza per minori disabili di Licata, in provincia di Agrigento. A scoprire quanto avveniva nella struttura sono stati i carabinieri, diretti dal capitano Marco Currao, che stamattina hanno dato esecuzione a otto provvedimenti cautelari nei confronti di altrettanti soggetti.

Agli arresti domiciliari è finita la responsabile del Centro di 32 anni. Tre i divieti di dimora nel territorio di Licata e quattro le denunce a piede libero. Gli indagati sono tutti impiegati all’interno della struttura. Indagato anche il presidente del consiglio comunale di Favara e amministratore unico della ‘Suami società cooperativa sociale’, società a cui fa capo il centro di Licata.

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore di Agrigento Alessandro Macaluso, sono iniziate nel dicembre del 2014, e hanno preso il via dalla segnalazione, fatta ai carabinieri da parte di un’insegnante che aveva visto arrivare a scuola un’alunna, ospite della struttura, con lividi sospetti. I carabinieri di Licata hanno così avviato un’intensa attività investigativa, che ha permesso di scoprire “ripetute violenze fisiche e psichiche da parte di quella che – sottolinea all’Adnkronos il capitano Currao – avrebbe dovuto essere una comunità di accoglienza”.

I minori disabili ospiti del centro venivano sottoposti quasi quotidianamente a punizioni e privazioni che andavano dal digiuno al divieto di chiamare i familiari, fino all’essere rinchiusi all’interno delle stanze. Uno di loro veniva legato, giorno e notte, con catene al suo letto. Gli ospiti erano anche costretti a mangiare cibo scaduto e mal conservato e i carabinieri hanno accertato che dentro il centro veniva utilizzata acqua contaminata da batteri coliformi. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -