Per ricercare migranti in mare arrivano anche i droni

 

droniPalermo – I droni strumenti per salvare vite umane. Non un concetto astratto, ma una realtà sperimentata sul campo, anzi sul Mediterraneo, per il salvataggio di migranti. A testimoniarlo Regina Catambrone, la miliardaria fondatrice di Moas, Ong impegnata nel prelevare clandestini in mare, nel corso della manifestazione di Palermo “Drone It Better” pensata per raccontare cosa possono fare i droni e come vanno usati e promossa da Assorpas, l’associazione nazionale che rappresenta la filiera italiana dei droni e che rappresenta il settore in Confindustria. “Nelle nostre missioni – spiega – impegnamo personale altamente specializzato, con il supporto di due gommoni veloci, di una clinica e soprattutto della tecnologia di due droni”. Dal 2014 a oggi il Moas ha salvato 12.000 persone.

I droni utilizzati, spiega, “hanno le stesse caratteristiche di quelli usati nella missione ‘Mare nostrum’”, hanno una autonomia di sei ore, possono percorrere 900 miglia nautiche a una velocità di cento chilometri orari. “I tempi sono molti importanti e l’utilizzo dei droni – prosegue Regina Catambrone – accorcia i tempi di ricerca. Le immagini che in tempo reale possiamo trasmettere ai centri di ricerca, fanno sì che le decisioni possano essere prese molto più velocemente e che le persone siano salvate prima di un eventuale naufragio”. Il progetto Moas nel 2014 è stata un’idea finanziata dalla famiglia Catambrone, ma dal 2015 è stata avviata una raccolta fondi per far sì che il programma possa autosostenersi. Adesso si è allargato in Asia e nell’Egeo: “Il nostro motto è ‘che nessuno muoia in mare, soprattutto in condizioni così disperate’”. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -