Nordafricani picchiano un 22enne con un catena perché “li ha guardati male”

Torino – Ragazzo di 22 anni aggredito sotto casa: «Mi hanno picchiato con una catena»

 

catenaLo hanno aggredito a due passi da casa sua con una catena. «Non volevano rapinarmi ma solo picchiarmi» spiega il ragazzo di 22 anni che si è salvato dal pestaggio.

Il fattaccio, in via Spontini, risale a qualche giorno fa. Il giovane stava per varcare il portone quando sulla strada ha avuto la sfortuna di incocciare due soggetti, per nulla intenzionati a scambiare quattro chiacchiere in amicizia.

«Ho incrociato lo sguardo di due nordafricani. Uno ha colto la palla al balzo per attaccare bottone». Da lì la frase: «Perché mi guardi male?» la frase che ha convinto il giovane ad allungare il passo. Con una catena di ferro uno dei due nordafricani ha colpito il 22enne sulla testa.

«Poi ha cercato di colpirmi una seconda volta ma sono riuscito a strappargliela dalle mani». I due delinquenti sono scappati e la giornata del giovane è finita al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Bosco dove i sanitari si sono occupati della ferita provocata dalla catena. Quattro i punti di sutura.   torinotoday.it


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!
IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal
 



 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -