Imam di Bergamo: i jihadisti possono fare quello che vogliono con le donne infedeli

 

“Le donne infedeli catturate nella jihad (guerra santa) sono delle prede e dunque i mujahidin (i combattenti) possono farne quello che vogliono”.

imam-bergamo

A lanciare la “fatwa” contro le non musulmane non è però il sedicente Califfo Al Bagdadi, ma Hafiz Muhammad Zulkifal, 43 anni, imam e formatore coranico tra Bergamo e Brescia.

Zulkifal è uno degli undici terroristi a processo a Sassari con l’accusa di essere tra gli esponenti di spicco di una cellula di Al Qaeda che da Olbia organizzava stragi in Pakistan. Una cellula che ce l’aveva in particolare con le donne, ree di non rispettare le leggi del Corano: i presunti terroristi avrebbero messo a segno attentati contro le poche scuole islamiche che ammettevano delle studentesse e addirittura organizzato l’omicidio della sorella di uno degli imputati, uccisa in Pakistan perché stava frequentando un ragazzo senza il permesso della famiglia.

Al jihadista arrestato contributi regionali per fitto di casa e libri di scuola

Centrale, per l’accusa, il ruolo del formatore coranico Zulkifal che attraverso il suo profilo Facebook incitava alla Jihad o esaltava i caduti in atti terroristici per poi diffondere canti inneggianti ai martiri dell’Islam. In base a quanto emerso dall’inchiesta, l’imam di Bergamo predicava e praticava la supremazia della sharia sulla legge secolare. In una intercettazione, infatti, si paragonava alle forze dell’ordine: “Faccio quello che fate voi! Fermate le persone che protestano con l’uso dei manganelli e cercate quelle persone che fanno dei lavori illegali. Anche noi facciamo la stessa cosa! Voi lavorate sotto le leggi dello Stato, mentre noi su quelle di Dio!”. E dopo aver ordinato e fatto eseguire l’omicidio di una coppia di connazionali, quasi certamente assassinati nel Bresciano nel 2011, aveva sostenuto “Abbiamo fatto una cosa santa per Dio e Dio ci ha protetti”.

ilgiornale.it


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!
IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal
 



 



   

 

 

3 Commenti per “Imam di Bergamo: i jihadisti possono fare quello che vogliono con le donne infedeli”

  1. Questi andrebbero buttati fuori dall’ Italia a calci in culo prima che facciano qualche attentato, visto che hanno una fedina penale non proprio immacolata !

  2. theng uh salam

    comincio ad averne le palle piene di buonismo .. macchè espulsioni … non bastano

  3. LA COLPA NON E’ SUA.! DIRO’ UN SAGGIO.!
    LE COLPE NON SONO TANTO DI CHI ,LE COMMETTE; MA DI CHI LE LASCIA COMMETTERE OD OBBLIGA A COMMETTERE !!! -

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -