Donne morte di parto, Lorenzin “è un paradosso statistico”

 

lorenzinRoma – Non c’era deficit di organico negli ospedali dove si sono verificati i casi di morte in gravidanza e parto. Lo ha detto il ministro della salute, Beatrice Lorenzin, intervenuta a “La Telefonata” di Belpietro  su Canale 5 a proposito delle carenze di organico causate dal blocco del turn over e dall’entrata in vigore della direttiva europea che impone adeguati turni di riposo agli operatori sanitari.

“E’ stata la prima cosa che ho chisto di accertare – ha precisato – e mi e’ stato detto che in tutti i casi il personale sanitario presente era in numero adeguato”. E ha ricordato che recepire la direttiva era “una cosa che andava fatta gia’ da anni”, ma “il personale c’e’. Nella legge di Stabilita’ abbiamo predisposto misure straordinarie per l’assunzione di medici e infermieri”.

Nei casi in questione, ha chiarito il ministro, “abbiamo trovato elementi di criticita’ in tre casi su quattro e l’elemento comune e’ la gestione della sepsi. Abbiamo quindi chiesto di rafforzare il monitoraggio delle sepsi, anche nella fase che precede l’arrivo della donna in ospedale”. In ogni caso, ha ribadito, nel nostro Paese i dati del percorso gravidanza e parto parlano di “un tasso di sicurezza altissimo”: il fatto che si siano verificati tutti questi casi in un arco di tempo così ridotto è per il ministro “un paradosso statistico”. (askanews)


 


TI PIACE IMOLAOGGI?

è on line senza banner pubblicitari, sponsor o click bait
VUOI SOSTENERCI?
Il Tuo contributo è fondamentale, ecco come puoi farlo!

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal



 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -