Terremotato muore in un container: “Aspettava da 4 anni di riavere la sua casa”

 

terremotato-muoreQuella casa in cui ha aspettato a lungo di tornare è rimasta un sogno. La sua battaglia contro la burocrazia è durata 4 anni, ma alla fine Giuseppe Scannavini, pensionato 83enne originario di Mortizzuolo di Mirandola, ha dovuto arrendersi.

Voleva rientrare a vivere nella sua abitazione, da cui era dovuto andare via dopo il terremoto del 2012, ma nonostante le tante promesse mancate, l’attesa è stata vana a causa di mille cavilli burocratici.

L’abitazione dei coniugi Scannavini in via Cazzuola, è prigioniera di una pratica denominata in gergo tecnico “Mude” da 72mila euro, che il Comune non riesce proprio a sbloccare

E’ morto in seguito a un cancro fulminante qualche settimana fa, in quel container di fortuna nel quale era stato “parcheggiato” con la sua famiglia. La moglie 71enne Ivana non dimentica, e non perdona: “Giuseppe si è ammalato per il dolore“.

Leggi l’articolo completo su Gazzetta di Modena



   

 

 

1 Commento per “Terremotato muore in un container: “Aspettava da 4 anni di riavere la sua casa””

  1. Come dice il Sindaco di Carpi: “Terremotati non un problema” così “accoglie” finti profughi in vacanze pagate dallo Stato, garantendo lauti guadagni a chi li “ospita”. Nessun problema con i terremotati: non protestano per essere trattati peggio dei “profughi” e se si ha pazienza, muoiono da soli.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -