Clinton intercettata: “Schaeuble ha sempre pensato di cacciare la Grecia dall’euro”

 

Grazie ad Ulrich Anders siamo entrati in possesso di diverse altre email della signora Hillary Rodham Clinton, quando era Segretario di Stato USA, desecretate per ordine giudiziario ad inizio 2016, e possiamo dirvi che sono estremamente interessanti.

Il 30 maggio 2012 Hillary riceve una email da una sua fonte confidenziale in Germania contenente due Memo relative alla politica europea tedesca ed ai progetti del ministro delle finanze tedesco Schaeuble.

merkel schaeuble

Clicca per vedere la lettera >>>

Per definire il livello dei due memo vi riportiamo un copia/incolla della presentazione :

“This information is based on conversations with German Finance Minister Wolfgang Schauble and those close to him. SOURCE: Sources with excellent access to the highest levels of the European political and security communities. THE FOLLOWING INFORMATION COMES FROM AN EXTREMELY SENSITIVE SOURCE AND SHOULD BE HANDLED WITH CARE. THIS INFORMATION MUST NOT BE SHARED WITH ANYONE ASSOCIATED WITH THE GERMAN GOVERNMENT”.

clintonInsomma si tratta di una vera e propria fonte spionistica, tanto che i tedeschi non devono venire a conoscenza di questo documento in alcun modo (per i curiosi il documento è Case No. F-2014-20439 Doc No. C057) . Ricordiamo che vi fu uno scandalo spionistico non indifferente che colpi le relazioni tedesco-americane nel 2014.

Nel documento gli americani mostrano le preoccupazioni espresse da Schauble alla Merkel sulla situazione economica europea. Siamo prima delle elezioni in Francia , Germania e Grecia, le ultime con una vittoria di Nuova Democrazia.

Ecco quello che dice Schaeuble sulla Grecia:

“Accordingly, Schauble and other financial officials in Berlin, London, and Brussels are beginning to see the upcoming Greek national elections as a plebiscite on whether or not Greece wants to remain in the Euro-zone. Schauble stated privately that despite their professed commitment to the Euro, if the Greek people vote for a government led by the anti-austerity Syriza party, they must bear the consequences of their actions”

Quindi due anni prima della vittoria di Tsipras e di Syriza , e l’arrivo di Varoufakis, Schauble riteneva un voto per Syriza come un voto contro l’euro , per cui i greci, votando per Syriza, avrebbero automaticamente votato per un plebiscito contro la moneta unica, nonostante tutto quello che Syriza avrebbe potuto dire. Varoufakis poteva risparmiarsi sei mesi di agonia tranquillamente, perchè ben 2 anni prima il destino delle Grecia era già segnato.

Varoufakis rivela il Piano B e tutti i retroscena! (l’intervista doveva rimanere segreta)

Per fronteggiare il problema greco, insieme alla recessione europea, Schaeuble pensa di avere due vie, che gli permetterebbero di evitare la soluzione per lui più dolorosa. Le due vie sono

a) La via suggerita dai 5 saggi tedeschi, il “European redempion fund”, quello che , con il two pack ed il six pach, avrebbe dovuto riassorbire il debito oltre il 60% del PIL e che, inizialmente Schaeuble aveva osteggiato

b) “The second course of action is even more problematic for Schauble, as it involves planning for a two tiered EU, with a much smaller currency union”. cioè la seconda soluzione si riferisce all’ euro a due velocità, o euro sud ed euro nord, soluzione che però viene vista come difficile dopo l’elezione di Hollande.

Quello che Schaeuble vuole evitare a tutti i costi è la terza soluzione : “In any event, Schauble continues to believe that a complete collapse of the currency union is unacceptable for Germany, as the newly reconstituted Deutsche Mark would be considerably more valuable than the Euro; seriously damaging Germany’s export driven economy.” La fine dell’euro è inaccettabile per la Germania perchè il nuovo marco sarebbe troppo rivalutato e danneggerebbe l’economia tedesca basata sull’esportazione. Quindi tutti i sacrifici che i tedeschi dicono di fare, o di aver fatto, non esistono. Stanno agendo solo nel proprio interesse e chi in Italia continua a difendere l’euro, in realtà, sta continuando a difendere gli interessi dei tedeschi! Semplice, chiaro e lineare.

Il problema in quel momento poteva essere l’indecisione della Merkel sul ERF:

“In the opinion of a well placed individual, Merkel will continue to study the European Redemption Plan and other policy options, but Schauble fears that she will delay any decisive actions.” Schaeuble temeva che la Merkel non prendesse una iniziativa a favore del ERF. Allora chi entra in campo? “He (Schaeuble) noted that Italian Prime Minister Mario Monti, who is close to Merkel, is also raising an alarm regarding the need for activity as the EU slides into recession.” Quindi Schaeuble utilizzerà Monti per convincere il proprio cancelliere a muoversi sul ERF.

Come sapete ERF, Two Pack, Six Pack, obbligo di parere di bilancio etc sono stati fatti cosi come voleva Schaeuble, ed allo stesso modo fu guidata la politica nei confronti della Grecia nei sei mesi del governo Varoufakis/Tspiras del 2015. ERF rimane una specie di “Minaccia Fantasma” che oggettivamente impedisce lo sviluppo dell’Italia, insieme all’euro che, ora sappiamo dalla sua stessa diretta voce, è per Schaeuble, il principale regalo fatto ai tedeschi.

Nello stesso tempo questo “Genio della finanzia” confida a quella che, presumibilmente, è un informatore, se non una spia, del Dipartimento degli Esteri USA , le linee guida della politica europea della Germania, cosa che non avveien per nessun altro leader europeo. Che dire, una vera volpe…..

Traete le vostre conclusioni

Fabio Lugano – scenari economici



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -