Svezia: vietato svelare la nazionalità dei migranti sospettati di crimini

 

immigraLa polizia svedese non potrà più diffondere informazioni relative all’aspetto fisico, alla nazionalità o all’etnia dei sospettati di reati per non fomentare speculazioni razziste.

Come riportano alcuni media svedesi, la polizia di Stoccolma ha diramato una direttiva interna in cui si proibisce agli inquirenti di divulgare alla stampa dettagli chiave come quelli relativi ad “etnia, nazionalità, colore della pelle ed altezza” dei sospetti.

Il provvedimento si applica anche a reati minori come piccoli incidenti stradali, a crescere fino ai presunti assassini: “Non vogliamo che un intero gruppo etnico venga criminalizzato – spiega Wolf Gyllander dell’ufficio stampa della polizia di Stoccolma – La polizia non dev’essere né deve apparire razzista“.

La lettera è stata diramata a tutti gli uffici della polizia il 15 settembre: appena una settimana dopo il festival “We are Sthlm”, in cui decine di ragazze e bimbe vennero molestate senza che la polizia ne desse notizia adeguatamente. Una scelta dettata appunto dalla decisione di evitare ad ogni costo strumentalizzazioni razzistiche (gli aggressori erano in gran parte immigrati, ndr). Una scelta molto controversa che ha provocato l’apertura di un’inchiesta ufficiale da parte del governo.  il giornale


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
 

oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -