Migranti: a Perugia si festeggia il primo corso per pontefici culturali

 

Questa mattina, all’Università per Stranieri di Perugia, è stato inaugurato il primo corso di “Alta Formazione per Mediatori europei per l’intercultura e la coesione sociale“. Formerà, per la prima volta a livello nazionale, operatori capaci di svolgere una preziosa attività di mediazione tra i cittadini immigrati, le istituzioni e la società civile.

immigrati

Il corso inaugurato oggi offre una visione lontana dalle “profezie di sventura”, ha avvertito Marco Impagliazzo, docente all’Università per Stranieri e Presidente della Comunità di Sant’Egidio, osservando come la presenza degli immigrati in Europa (35 milioni di stranieri e 50 milioni di residenti di origine straniera) riveli una “ristrutturazione decisiva” delle nostre società e dunque rappresenti “una sfida da cogliere e da vincere”. “Già viviamo insieme come in un grande condominio con persone di provenienze diverse – ha detto Impagliazzo – ma occorre ora costruire con solide fondamenta la casa comune”.

Gli allievi del Corso per mediatori – ha concluso – studiano “per essere pontefici, cioè costruttori di ponti” per superare quell’esclusione generatrice di molti mali, come, recentemente, gli attentati di Parigi.

QUALE ESCLUSIONE???  Benestanti, istruiti e drogati: ecco chi sono i fratelli Abdeslam, terroristi di Parigi

Isis, Jihadi John: il boia benestante cresciuto a Londra

Roma - immigrati in ammollo nella fontana dell'Ara Pacis

Roma – immigrati in ammollo nella fontana dell’Ara Pacis

Daniela Pompei, responsabile dei servizi ai migranti della Comunità di Sant’Egidio, ha sottolineato “l’inedita collaborazione tra Stato, mondo accademico e società civile sulla frontiera strategica dell’integrazione”. Il corso, con 140 iscritti da 40 paesi diversi, ha un importante profilo nazionale e consentirà la validazione unica delle competenze del “mediatore culturale”. Dopo 16 anni nel campo della formazione, ha osservato Daniela Pompei, “si avvertiva l’esigenza di alzare il livello professionale” e superare la frammentazione delle esperienze “per costruire una strategia culturale non solo per le emergenze ma per dare chiavi di inclusione nelle periferie”.

“Mediatore non è mero traduttore – ha concluso – ma interprete profondo della cultura italiana: è portatore di una visione per il futuro”.

Il sottosegretario al Miur, Davide Faraone, ha sottolineato l’impegno del ministero per “rafforzare le reti dell’inclusione per contrastare chi specula sulle paure”. Il corso per Faraone rappresenta “un modello strategico” da diffondere e su cui investireper creare “anticorpi contro le strategie tristi della paura”. Ricordando poi l’importante riforma della legge sulla cittadinanza, in corso in Parlamento, il sottosegretario ha osservato come proprio la cultura sia “la via giusta per diventare italiani”. ANSAMED


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
 

oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -