Svezia, polizia: nuove indagini sul silenzio dopo le molestie dei migranti

svezia-molestie

La polizia svedese promette nuove indagini sulle molestie subite da decine di ragazze nel corso delle ultime due edizioni di “We Are Sthlm”, un festival che si svolge ad Agosto a Stoccolma.
Decine di denunce, e di arresti in gran parte a carico di immigrati, che erano stati tenuti nascosti e sono stati rivelati ora, dopo i fatti di Colonia.

È già abbastanza grave se non abbiamo dato informazione sufficiente: dobbiamo andare a fondo della questione e assicurarci che non accada più”, dice il capo della polizia.

I ricordi di chi denunciò le molestie, e anche di chi ebbe tempestivamente il soccorso delle guardie, sono ancora vividi: “Stavo seguendo il festival e mi divertivo insieme alle mie amiche, ballavamo… E improvvisamente questi ragazzi sono saltati fuori e hanno iniziato ad alzarci le gonne e a palpeggiare. Abbiamo chiamato le guardie, e quelli si sono allontanati…”

Il fatto che i responsabili fossero immigrati è stato probabilmente determinante per la decisione di non comunicare i fatti, per evitare derive.  EURONEWS


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
 

oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -