Germania: i veri profughi vogliono tornare a casa

 

veri-profughiIl numero degli iracheni rifugiati in Germania che vogliono tornare a casa è quasi decuplicato. Lo dicono i numeri registrati presso l’ambasciata irachena a Berlino, secondo il ministero degli Esteri tedesco. Si tratta dei veri profughi e non dei migranti economici molti dei quali con documenti falsi comprati al mercato nero in Medio Oriente o nei Balcani.

Attualmente sono 1.400 i rifugiati iracheni che hanno presentato richiesta per avere il passaporto per poter tornare in Iraq, scrive la Bild, mentre erano sono 150 a fine ottobre. Il giornale tedesco parla di notizia ”sorprendente”, ma non scioglie il quesito se questo incremento dipenda da un miglioramento della situazione nel loro Paese o dalla delusione per le condizioni di vita in Germania, dato che alcune interviste fatte da altri quotidiani tedeschi ai profughi che tornano in Iraq hanno messo in luce proprio questa ultima, come vera ragione.

Ad ogni modo, un’analoga situazione si registra anche in Finlandia, Paese che nel 2015 era tra le mete preferite dei profughi iracheni. Nell’ultimo periodo il governo iracheno ha introdotto una serie di incentivi per convincere i suoi cittadini a rientrare. IL NORD


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
 

oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

1 Commento per “Germania: i veri profughi vogliono tornare a casa”

  1. LE STRADE DEL SIGNORE ; SONO INFINITE.!

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -