Vescovo di Roma: “I nostri fratelli migranti sono fragili”

ditora-vescovo-roma

“I nostri fratelli migranti sono fragili, vittime della mobilita’ obbligata dalle circostanze del luogo, e quindi alla luce di un volto nuovo delle migrazioni, l’unica via percorribile che Papa Francesco vede e’ quella della misericordia”.

Lo ha detto monsignor Guerino Di Tora, vescovo ausiliare di Roma e presidente della Commissione episcopale per le migrazioni e della Fondazione Migrantes, intervenuto oggi alla presentazione della Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, evento che, ha sottolineato, “diventa un momento particolare, un gesto concreto che caratterizza il Giubileo della misericordia che stiamo vivendo”.

immigrati

Di Tora ha ricordato che domenica prossima oltre 6.000 migranti e rifugiati provenienti dalle 17 diocesi del Lazio, di almeno 30 nazionalita’, saranno in piazza S. Pietro per l’Angelus del Papa. Tra loro ci saranno anche 200 richiedenti asilo del Cara di Castelnuovo di Porto, con le bandiere delle diverse nazionalita’ presenti al Centro. Dopo l’Angelus i migranti, attraversando la Porta Santa, andranno nella Basilica di S. Pietro, dove si celebrera’ la Messa, presieduta dal cardinale Antonio Maria Veglio’, presidente del Pontificio consiglio della Pastorale per i migranti e gli itineranti. “Ai piedi dell’altare della cattedra ci sara’ la Croce di Lampedusa, anche per ricordare il viaggio drammatico, che per oltre 3.700 persone – tra cui quasi 8.000 bambini – nel 2015 si e’ concluso in fondo al Mediterraneo, di molti richiedenti asilo”, ha affermato monsignor Di Tora. (AGI)

profugo

profugo

profugo



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -