Crollo prezzi del petrolio, Bp taglia 4000 posti di lavoro

bp-petrolio

Bp, uno dei maggiori gruppi petroliferi mondiali, si appresta a tagliare 4.000 posti di lavoro a livello globale per compensare gli effetti del crollo dei prezzi del greggio. In un comunicato l’azienda britannica ha annunciato che “ridurrà il personale upstream a livello globale da 24.000 a sotto 20.000 entro la fine del 2017”. Il taglio includerà anche 600 posti di lavoro nelle attività del mare del Nord.

Petrolio, Gartman: “la fase ribassista terminerà dopo le liquidazioni a catena”

L’annnuciata ristrutturazione segue solo di pochi mesi un analogo taglio di 4.000 unità effettuato lo scorso anno, sempre in risposta al livello depresso dei prezzi. Oggi i corsi del greggio Brent del Mare del Nord hanno toccato il livello minimo da 12 anni dopo un calo che dall’inizio dell’anno ha già toccato il 15%.A livello globale nel 2015 il prezzo del petrolio è crollato del 35%, segnando il terzo calo annuale consecutivo risultante da un cronico eccesso di offerta.

Nel terzo trimestre del 2015 gli utili aziendali di Bp sono crollati e questo ha già obbligato il colosso petrolifero britannico a diminuire i suoi investimenti e a vendere più attività senza che in questi anni si sia verificata mai una inversione di tendenza dopo il catastrofico disastro ambientale provocato nel 2010 nel Golfo del Messico. (askanews)


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
 

oppure fai una donazione con PayPal
 





   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -