Crollo prezzi del petrolio, Bp taglia 4000 posti di lavoro

bp-petrolio

Bp, uno dei maggiori gruppi petroliferi mondiali, si appresta a tagliare 4.000 posti di lavoro a livello globale per compensare gli effetti del crollo dei prezzi del greggio. In un comunicato l’azienda britannica ha annunciato che “ridurrà il personale upstream a livello globale da 24.000 a sotto 20.000 entro la fine del 2017″. Il taglio includerà anche 600 posti di lavoro nelle attività del mare del Nord.

Petrolio, Gartman: “la fase ribassista terminerà dopo le liquidazioni a catena”

L’annnuciata ristrutturazione segue solo di pochi mesi un analogo taglio di 4.000 unità effettuato lo scorso anno, sempre in risposta al livello depresso dei prezzi. Oggi i corsi del greggio Brent del Mare del Nord hanno toccato il livello minimo da 12 anni dopo un calo che dall’inizio dell’anno ha già toccato il 15%.A livello globale nel 2015 il prezzo del petrolio è crollato del 35%, segnando il terzo calo annuale consecutivo risultante da un cronico eccesso di offerta.

Nel terzo trimestre del 2015 gli utili aziendali di Bp sono crollati e questo ha già obbligato il colosso petrolifero britannico a diminuire i suoi investimenti e a vendere più attività senza che in questi anni si sia verificata mai una inversione di tendenza dopo il catastrofico disastro ambientale provocato nel 2010 nel Golfo del Messico. (askanews)


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
 

oppure fai una donazione con PayPal
 





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -