Attribuisce la figlia a un cittadino italiano per incassare la pensione

 

inpsUDINE, 12 GEN – Una cittadina colombiana, di 44 anni, residente in provincia di Udine, è stata rinviata oggi a giudizio dal gup del tribunale di Udine per l’ipotesi di reato di truffa ai danni dell’Inps.

E’ accusata di aver attribuito falsamente la paternità della propria figlia minore, concepita con un connazionale, a un cittadino italiano. In questo modo la donna ha potuto incassare la pensione di reversibilità, alla morte dell’uomo. Per sette anni, dal 2007 al 2014, secondo l’accusa, avrebbe ottenuto indebitamente dall’Inps circa 60 mila euro complessivamente. (ANSA).



   

 

 

1 Commento per “Attribuisce la figlia a un cittadino italiano per incassare la pensione”

  1. HA IMPARATO PRESTO L’ITALIA DELLE “CARTE” INVENTATE….
    DEVE AVERE VISTO IL FILM DI TOTO’ (UN FILM VECCHIO DI 40 ANNI CIRCA ..). TOTO’ IMPIGATO DELL’UFFICIO ANAGRAFE… E’ AMARO AMMETTERE E’ DIVENUTA UNA REGOLA IN TUTI I CAMPI. = PRODUTTORI DI DI CAMORRA E DI MAFIA.! “CORRUZIONE PARALLELA”.!-
    IL MAGISTRATO DI UDINE.? UNA NOCE IN UN SACCO..! NON FA’ RUMORE : SVEGLIATEVI.!!

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -