USA, Philadelphia: musulmano spara a un agente in nome dell’islam

 

Washington – Un poliziotto è rimasto gravemente ferito a Philadelphia, in Pennsylvania, dai colpi di arma da fuoco sparati da un aggressore che ha detto di aver agito “in nome dell’Islam” e ha rivendicato fedeltà all’Isis. L’aggressore, un 30enne identificato con il nome di Edward Archer, è stato arrestato sul posto; ma prima è riuscito a sparare 13 colpi con un’arma rubata contro il veicolo su cui si trovata l’agente.

Nell’interrogatorio l‘uomo ha confessato di aver agito in nome dell’Islam perché le autorità della città applicano leggi contrarie al Corano, ha spiegato il commissario di polizia di Philadelphia, Richard Ross: “Ha dichiarato la sua fedelta’ all’Isis, che segue Allah e che questa è la ragione per cui è stato chiamato ad agire“.

L’agente colpito è Jess Hartnett, 33 anni, ricoverato in un ospedale locale, ferito gravemente al braccio sinistro. “Abbiamo avuto molta fortuna, è tutto quello che posso dire. Non posso credere che sia riuscito a sopravvivere all’accaduto”, ha aggiunto Ross. Le autorita’ hanno descritto l’aggressione come un’imboscata, condotta senza alcuna provocazione da parte di Harnett, che era in uniforme e dentro un veicolo della polizia quando l’aggressore ha cominciato a sparare avvicinandosi sempre piu’ (come mostrano le immagini registrate da una telecamera di sicurezza). Nonostante raggiunto dai colpi, Harnett è riuscito a dare l’allarme, a scendere dall’auto e a sparare ferendo Archer, arrestato poco dopo. La polizia gli ha trovato addosso una pistola semiautomatica rubata nel 2013 dall’abitazione di un poliziotto. L’Fbi collabora con la polizia locale che al momento non ha prove, secondo Ross, che Archer avesse un complice. L’attacco e’ avvenuto a poco piu’ di un mese dalla strage compiuta da un pakistano e sua moglie, entrambi seguaci dell’Isis, che, a San Bernardino in California hanno ucciso 14 persone e ne hanno ferite piu’ di venti, un attentato che gli inquirenti hanno legato all’estremismo islamista. (AGI)

sparatoria-usa


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
 

oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -