Pegida: “questa è la Germania non l’Afghanistan”, scontri con la polizia

pegida

COLONIA – Manifestazione contro l’islamizzazione dell’Europa dopo gli stupri di Capodanno. Un esponente della Pegida britannica ha detto: “l’islam è il cancro, Pegida la cura” e ha raccolto un lungo applauso concludendo “questa è la Germania non l’Afghanistan”. La folla grida ripetutamente “espulsioni, espulsioni”.

Gli organizzatori contestano i dati della polizia (che stima 450 partecipanti) e parla di 3000 presenze. Testimoni della tv regionale Wdr dicono che la piazza si sia comunque riempita nel corso degli interventi.

La polizia è presente in forze con vari mezzi, oltre a blindati anche con cannoni d’acqua, con centinaia di uomini a cavallo, mentre un elicottero sorvola continuamente la piazza dove si stanno svolgendo le manifestazioni. Peccato che questa parata di forze dell’ordine non fosse presente la notte di Capodanno quando oltre 100 donne sono state molestate da presunti profughi e immigrati.

Il corteo di Pegida è stato interrotto dalla polizia per evitare escalation di violenze dopo un lancio di petardi contro le forze dell’ordine, che hanno fatto uso di idranti. La polizia sta riportando i manifestanti di Pegida verso la piazza sul lato nord della stazione centrale da dove il corteo era partito. Un mezzo blindato con un idrante sta coadiuvando il lavoro delle forze dell’ordine, mentre dal corteo vengono lanciati ancora petardi.

La manifestazione era stata in un primo momento bloccata e la polizia aveva cercato di allentare la tensione chiedendo ai manifestanti di proseguire pacificamente. Un appello caduto nel vuoto. La manifestazione di protesta contro le aggressioni della notte di Capodanno a Colonia era iniziata con una serie di discorsi sulla Breslauer Platz. Discorsi infuocati, che hanno acceso gli animi dei manifestanti, tra i quali è apparsa subito evidente la presenza degli hooligans, che poi si sono impossessati della testa del corteo. Le tensioni si sono ora di nuovo spostate nella zona della stazione centrale. La polizia chiede a tutti i dimostranti di disperdersi.


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
 

oppure fai una donazione con PayPal
 





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -