Amsterdam: Via la parola ”negro”, il Rijksmuseum cambia i titoli a 300 quadri

 

Cultura e antirazzismo, cultura e politically correct non possono convivere. Questa ne è la prova.

Nel corso del 2016 il Rijksmuseum cambierà il titolo a 300 tra quadri e disegni per evitare parole considerate ormai scorrette come “negro”, “selvaggio” e “nano”.

Rijksmuseum-amsterdam

Il celebre museo di Amsterdam, che conserva capolavori di Johannes Vermeer e Rembrandt, ha messo a punto un aggiornamento delle didascalie di migliaia di opere d’arte che risentono dell’influsso della “mentalità coloniale” tra Otto e Novecento e che oggi risultano contenere parole considerate offensive, razziste o sessiste.

Nel giro di due o tre anni saranno “corretti” tutti i titoli di migliaia di opere, molti dei quali fanno parte della vasta collezione asiatica e africana giunta al Rijksmuseum come eredità dell’impero coloniale olandese. E’ la prima volta che un museo europeo decide di ribattezzare i titoli dei suoi quadri.

“Abbiamo trovato finora 132 descrizioni con la parola ‘negro’ e sarà facile a nostro parere cambiare il titolo ai quadri che recano questa dicitura”, ha detto Martine Gosselink, una delle curatrici del Rijksmuseum. Sarà più difficile trovare un’altra parola per sostituire, ad esempio, “ottentotto”, con cui gli olandesi nel XIX secolo chiamavano un indigeno dell’Africa meridionale. “Oggi è una parola insultante, che presto cancelleremo”, ha precisato Gosselink. A titolo esemplificativo un quadro del pittore olandese Simon Willem Maris (1895-1922) ha già trovato il suo nuovo titolo: da “Giovane negra” diventerà “Ragazza con il ventaglio”.  ADNKRONOS

——————————

“La grande marcia della distruzione intellettuale proseguirà. Tutto sarà negato. Tutto diventerà un credo. È una posizione ragionevole negare le pietre della strada; diventerà un dogma religioso riaffermarle. È una tesi razionale quella che ci vuole tutti immersi in un sogno; sarà una forma assennata di misticismo asserire che siamo tutti svegli. Fuochi verranno attizzati per testimoniare che due più due fa quattro. Spade saranno sguainate per dimostrare che le foglie sono verdi in estate. Noi ci ritroveremo a difendere non solo le incredibili virtù e l’incredibile sensatezza della vita umana, ma qualcosa di ancora più incredibile, questo immenso, impossibile universo che ci fissa in volto. Combatteremo per i prodigi visibili come se fossero invisibili. Guarderemo l’erba e i cieli impossibili con uno strano coraggio. Noi saremo tra quanti hanno visto eppure hanno creduto”.

[G.K. Chesterton]


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
 

oppure fai una donazione con PayPal
 





   

 

 

2 Commenti per “Amsterdam: Via la parola ”negro”, il Rijksmuseum cambia i titoli a 300 quadri”

  1. Il vecchio mondo europeo, da colonizzatore sta diventando colonizzato.

  2. A quando la censura anche su vocabolari e dizionari?”Negro”diventerà una parole proibita?

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -