USA: arrestati “rifugiati”, legami con cellule terroristiche

 

Due sedicenti profughi  provenienti dall’Iraq sono stati arrestati negli Stati Uniti con l’accusa di legami con cellule terroristiche. Gli arresti sono avvenuti in California e Texas, dove il governatore ha chiesto di porre fine all’arrivo di rifugiati da Paesi dove sono attivi i gruppi terroristici.

usa-terrorismo

Entrambi  sono nati in Palestina, arrivati negli Stati Uniti come rifugiati; sono accusati di legami con gruppi terroristici in Siria e Iraq, compreso l’Isis, secondo le informazioni fornite dalle autorità agli organi di stampa statunitensi. Omar Faraj Saeed Al Hardan, 24 anni, è stato arrestato a Houston e accusato di aver cercato di fornire materiale all’Isis; Aws Mohammed Younis Al-Jayab, 23 anni, è stato accusato in California di essere andato in Siria per combattere con gli estremisti e di aver mentito alle autorità statunitensi sulle sue azioni.

Jayab è entrato negli Stati Uniti dalla Siria come rifugiato nell’ottobre 2012, vivendo in Arizona e Wisconsin prima di spostarsi a Sacramento. Hardan, invece, è entrato nel 2009 come rifugiato, ottenendo la residenza permanente nel 2011. In base alle leggi antiterrorismo americane promulgate dopo l’Undici Settembre, i due arrestati subiranno condanne variabili dai 20 anni all’ergastolo.


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -