“Non furono i Marò a sparare ai pescatori. E l’India lo sapeva”

Non furono Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due fucilieri a bordo dell’Enrica Lexie, a sparare e uccidere i pescatori indiani della Saint Antony, bensì i colpi mortali sarebbero partiti addirittura da un’altra nave, la greca Olympic Flair. E’ quanto sostiene il giornale Libero, seguendo la tesi proposta dal perito Luigi Di Stefano.

MARO

L’attacco alla petroliera greca e il mistero dell’orario – Secondo questa tesi, a sparare sarebbero stati i contractor presenti a bordo dell’imbarcazione greca, il cui comandante denunciò un attacco pirata messo in atto da due imbarcazioni. I registri di bordo dell’Enrica Lexie riportano l’assalto alla Olympic intorno alle 18.30, ora in cui il comandante Umberto Vitelli, viene informato dalla Guardia costiera indiana. Ma il personale di bordo della petroliera greca dichiarò invece che l’attacco avvenne solo quattro ore dopo.

Le incongruenze dell’assalto alla Olympic Flair – Ma all’ora in cui i greci raccontano di essere stati attaccati, l’incidente che ha coinvolto i due marò era già avvenuto e in zona, la Olympic Flair sarebbe stata a 2,5 miglia dal luogo in cui era attraccata l’Enrica Lexie, erano presenti moltissimi militari e mezzi. Possibile che i pirati abbiano deciso di attaccare in una situazione così sfavorevole?

Poco credibile, secondo la ricostruzione del quotidiano Libero, anche la teoria per cui i contractor a bordo della Olympic, carica e ancorata, si sarebbero difesi dai piratii solo con gli idranti, riuscendo comunque a far fuggire i malintenzionati.

La verità nascosta dalle autorità indiane – Non sarebbero stati quindi i fucilieri italiani a sparare e uccidere i due pescatori indiani, bensì i contractor presenti sulla petroliera greca. Non solo. Le autorità indiane avrebbero sempre saputo delle incoerenze delle dichiarazioni del personale della Olympic Flair, ma le avrebbe tenute nascoste.  tgcom24

 


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -