Immigrati, il Procuratore Nordio: «Referendum sui nuovi ingressi»

carlo-nordio

VENEZIA – Il Procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio in un editoriale sul Gazzettino torna sul tema del rapporto tra sicurezza e immigrazione in relazione ai fatti di Colonia, sollecitando di sottoporre «al vaglio della volontà popolare» il rischio che l’Europa, con una accoglienza indiscriminata, «diventi diversa da quella che è».

Nordio sottolinea che il referendum sui nuovi ingressi dovrebbe «spiegare bene ai cittadini gli effetti culturali, economici, religiosi di una trasformazione» che può cambiare l’identità nazionale, facendo di questa parte del mondo «un’appendice afroasiatica».

Il governo, dunque, nell’argomentazione del Procuratore aggiunto, «dovrebbe indicare il limite quantitativo oltre il quale l’identità nazionale sarebbe snaturata. In altre parole – si chiede – quanti ne possiamo prendere? Centomila, un milione? O di più?». Questa, per Nordio, «è la domanda drammatica alla quale, prima o poi, si dovrà rispondere. Ma per ora non ci si pensa». La chiusura delle frontiere «di Paesi tradizionalmente tolleranti e “civili”, come Danimarca e Svezia – rileva – non è altro che il frutto dell’inavvedutezza critica dei governi, e della stessa Unione»…



   

 

 

2 Commenti per “Immigrati, il Procuratore Nordio: «Referendum sui nuovi ingressi»”

  1. D’accordo ma una cosa e’ sicura il governo li fa entrare per alzare il propio TFR e gli aiuta mentre noi italiani
    non siamo rispettati in nessun modo, sappiamo bene come stanno andando le cose in italia.
    L’ingiustizia e la nuova regola di Vita in italia e tanti reati vengono accettati.

  2. *** PIU’ CHE AI CITTADINI ANDREBBE SPIEGATO AI NOSTRI MULTICULTURALISTI, BUONISTI, ACCOGLIONTISTI, COGLIONCELLI E ALLE ILLUSTRISSIME TESTE DI CAZZ* POLITICHE CHE VIVONO SULL’IMMIGRAZIONE!
    .
    E’ arrivato il momento di tirar fuori le unghie!
    La UE è una solo una GRANDE TRUFFA che solo i polidioti nostrani potevano osannare e accettare senza riserve!
    .
    NON E’ UN PROBLEMA DI “INNAVVEDUTEZZA” MA DI CORRUZIONE…
    .
    Piano piano ci stanno togliendo di tutto e ci vogliono rimpiazzare con 30 milioni di stranieri!
    .
    Una volta persa la sovranità nazionale l’Italia farà la fine della Grecia e sarà spoliata dell’ingente patrimonio artistico perché pian piano tutto passerà in mano alle fondazioni bancarie (cessione del patrimonio nazionale = svendita) e allo straniero, come già da tempo sta avvenendo.
    .
    Cosa rimarrà dell’Italia? Un CAZZO!
    .
    R I V O L U Z I O N E S O C I A L E !
    .

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
ti chiediamo di fare una donazione.

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
e un sito privo di pubblicità.
Fai una donazione!


Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -