L’Intifada del “presidente moderato”. Il Foglio svela l’Abu Mazen connection

papa-palestina

Giulio Meotti per Il Foglio

Roma. Aprile 2002, culmine della Seconda Intifada. L’esercito israeliano compie un’incursione a Ramallah e negli uffici di Fatah scopre documenti che dimostravano il passaggio di ordini da Yasser Arafat a Marwan Barghouti, percorrendo tutta la catena del terrore. Soldi, cinture di tritolo, armi, tutto annotato in lettere. Oltre a invitare al “martirio”, Arafat forniva consapevolmente i soldi per la preparazione degli attentati alle Brigate di al Aqsa. Prove che sarebbero servite a far condannare Barghouti a cinque ergastoli (un anno fa un tribunale di New York ha anche condannato l’Autorità nazionale palestinese per il suo diretto coinvolgimento in sei attentati).

Per spiegare la “Terza Intifada”, che in questi due mesi e mezzo ha causato trenta morti e trecento feriti fra gli israeliani, non è possibile ricorrere a documenti simili. Con un dollaro a Ramallah ora puoi acquistare i coltelli da cucina usati per pugnalare gli israeliani, con la stessa cifra nelle strade trovi i cd con la “musica dell’Intifada” e, più che in lettere su carta, gli ordini oggi corrono sulla rete. “Is Palestinian-Israeli violence being driven by social media?’”, chiede la Bbc.

La risposta è “sì” e le prove portano diritto alla “Muqata” di Ramallah, il palazzo di Abu Mazen, il presidente dell’Autorità nazionale palestinese. Quasi tutti gli attentatori in quest’ultima ondata di terrore hanno lasciato messaggi su Facebook. Il primo fu Muhannad Halabi, il terrorista palestinese che ha accoltellato a morte due persone a Gerusalemme, che aveva postato sul suo Facebook le motivazioni del duplice assassinio: “La Terza Intifada è iniziata. Ciò che sta accadendo alla Moschea di al Aqsa è ciò che sta accadendo ai nostri luoghi santi, è la via del nostro Profeta Maometto, è ciò che sta accadendo alle donne di al Aqsa e alle nostre madri e sorelle. Io non credo che il popolo soccomberà all’umiliazione. Il popolo si solleverà e sarà davvero Intifada”.

Finora, media e analisti hanno portato come “prove” del coinvolgimento di Abu Mazen figure come Ahmed Ruweidi, consigliere del presidente per gli affari di Gerusalemme, che ha detto: “Sono orgoglioso dei combattenti che adoperando il sangue, gli arresti, gli attacchi e le percosse sono riusciti a espellere gli ebrei con i loro corpi. A loro va tutto il mio rispetto e apprezzamento”. E’ l’incitamento all’odio del “moderato” Abu Mazen su cui il mondo punta, che chiama le piazze con i nomi dei terroristi e lascia che le sue tv e i suoi siti siano pieni di incitamento. Il Foglio in questa esclusiva è in grado di fare di più: dare un nome e un volto a uno dei principali burattinai di questa Terza Intifada.

Uno dei principali canali di indottrinamento per gli assalti palestinesi con i coltelli e le auto è una pagina Facebook traducibile dall’arabo come “Vietato l’ingresso agli ubriachi”. Il logo è un ragazzino palestinese con la kefiah, una lama in mano e la scritta: “Vigilate sulla Palestina con il coltello”. La pagina, fino a oggi, ha raccolto un milione e mezzo di like. Si trova sotto la sezione “arte e intrattenimento” ed è stata lanciata nel 2011 durante la cosiddetta “primavera araba”.

intifada-abu-mazen

Un burattinaio di nome Husam Nabil Adwan

Da quando è stata promossa la Terza Intifada, alla fine di settembre, la pagina ha registrato un’impennata giornaliera di visitatori. Un’analisi attenta di questa pagina rivela un antisemitismo esasperato e l’invito giornaliero a uccidere ebrei israeliani.
Il 14 ottobre si chiede ai palestinesi di asfaltare gli israeliani in attesa dell’autobus, accompagnato da tanto di contachilometri: “Figli di Palestina, accoltellate e passate sopra con l’auto”. L’11 dicembre: “Vi invito in Palestina a testimoniare la rivoluzione contro l’occupazione sionista”. E ancora: “Figli di puttana (rivolto agli ebrei, ndr), che Allah vi maledica”. Ovunque immagini degli attentatori: “La sua anima è in paradiso”. Un soldato israeliano? “Figlio di cane”. Il 12 dicembre ci sono fotografie di assalti palestinesi a civili e soldati: “A coloro che dubitano della Palestina e del suo stato, guardate che eroismo”. Il 9 dicembre, con foto di israeliani portati via in ambulanza: “Allah il Grande ha ucciso un sionista”. Due giorni fa è arrivato, puntuale, anche un elogio di Nashat Melhem, il terrorista che venerdì ha ucciso due ragazzi israeliani nel caffè di Tel Aviv: “Che Allah lo protegga”. Gli ebrei sono chiamati ovunque “figli di scimmie e maiali”. Il 31 dicembre hanno avuto un modo originale di fare gli auguri: “Tutti aspettano Capodanno. Noi aspettiamo la testa di Netanyahu nelle mani della resistenza palestinese”.

Nabil-AdwanAlcune delle foto condivise da Adwan sui social network

Chi c’è dietro questa piattaforma terroristica? Husam Nabil Adwan. E’ un palestinese nato nel 1988 e cresciuto ad Al Ezaria, un sobborgo di Gerusalemme est. Perché è importante? Perché dal 2006 Adwan ha le mostrine con le spade ricurve della Guardia presidenziale di Abu Mazen, il corpo d’élite responsabile della sicurezza del presidente palestinese e dei suoi ospiti stranieri in visita a Ramallah. Nella sua pagina Facebook, si fa fotografare con alle spalle la moschea di al Aksa, il Corano in una mano e il kalashnikov nell’altra. Ci sono poi le foto con i volti più noti della politica e della sicurezza palestinese, fra cui la storica guardia del corpo di Arafat, Mohammed Daya, e l’ex primo ministro Abu Ala. Questa terza non è affatto una “Intifada spontanea” ma ha un software preciso, l’incitamento all’odio, e alti ufficiali e pretoriani dell’Autorità nazionale palestinese che gestiscono le maggiori piattaforme di questa “guerra silenziosa”.

Nei giorni scorsi il dottor Ofer Merin, capo dell’unità traumi dell’ospedale Shaare Zedek di Gerusalemme, ha tenuto una conferenza stampa sulle vittime della Terza Intifada: “Gli attentatori sanno sempre dove colpire, le ferite che vediamo non sono mai casuali”. Colpiscono sempre per uccidere.

 



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -