Unioni civili, M5S: sì alle adozioni gay o non votiamo la legge

 

“Se togliete diritti a questa legge non la votiamo, meglio nessuna legge che una brutta legge”.

airola-m5s

Alberto Airola, senatore M5S che sta giocando per i grillini la partita delle unioni civili, parlando all’Adnkronos avverte i dem, spiegando che il ddl Cirinnà va approvato così com’è, stepchild adoption comprese: “i margini per farlo insieme ci sono. Dunque al Pd dico di votarla con noi, su queste tematiche è naturale ci siano maggioranze trasversali. E stiano tranquilli: ricordo che con il via libera al divorzio breve il governo Renzi non è caduto”.

Ma il provvedimento sulle unioni civili, per Airola, si sta trasformando “in una battaglia partitica. Se il Pd, pur di non votare con il M5S, arriverà al punto di peggiorare la legge Cirinnà introducendo l’affido rafforzato al posto delle stepchild adoption, dimostrerà per l’ennesima volta che gli interessano più le logiche di partito che i diritti civili” e “il M5S non si presterà a questa ennesima strumentalizzazione”.

“L’affido rafforzato – dice Airola commentando il pressing dei cattolici del Pd per introdurre questo istituto e togliere di mezzo le stepchild adoption – è un limite inaccettabile per il lavoro dei giudici e per la tutela dei minori. Ai cattolici del Pd abbiamo già dato troppi contentini in commissione, direi che può bastare. La nostra posizione è ferma: il ddl lo votiamo ma senza sconti sui diritti. Il Pd è avvisato…”.

Adnkronos



   

 

 

1 Commento per “Unioni civili, M5S: sì alle adozioni gay o non votiamo la legge”

  1. Gentile Onorevole Airola, i diritti sono anche e prima di tutto dei bambini. L’adozione da parte di omosessuali crea oggettivamente un vuoto nella crescita dei bambini che per natura sono concepiti da un uomo e una donna. La mancanza dell’uno o dell’altro non possono essere compensati col solo amore. Esso è sì fondamentale, ma non sufficiente. Secondo la pretesa di adozione da parte dei gay risponde all’egoismo degli adulti. Ci sono tanti modi per sentirsi genitori, ad esempio volontariato negli ospedali oncologici o negli orfanotrofi, dove per vero amore si rinuncia a se stessi per donarsi agli altri. Spero che riflettiate su tale delicato argomento, perché quando col nostro egoismo andiamo contro la natura, essa prima o poi ci presenta il conto e questo non è giusto che lo paghino i bambini. Le auguro un buon anno uovo.
    Luigi

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -