L’insulto della multinazionale Amazon: niente soldi ai senzatetto tedeschi

 

amazonIl colosso americano Amazon donerà ai cosiddetti “profughi siriani” ospitati in Germania i proventi degli acquisti online di una musica rilasciata dalla destra tedesca anti-islamica.

Il rivenditore, famoso in tutto il mondo, è stato criticato poichè accusato di guadagnare denaro sul brano strumentale Gemeinsam sind wir stark (Uniti siamo forti) rilasciato nel periodo di Natale. Il brano è commecializzato da Pegida, un movimento tedesco contro l’islamizzazione dell’Europa, nato circa un anno fa.

Il gruppo avrebbe voluto che i proventi della traccia musicale andassero ai senzatetto tedeschi. Invece, Amazon, con un messaggio sul suo sito tedesco, ha annunciato che “i profitti derivanti dalla vendita di questa canzone andranno a un’organizzazione a sostegno dei rifugiati”.

I soldi dunque andranno agli immigranti, quasi tutti musulmani, che sono arrivati ​​in Germania, nel corso dell’ultimo anno.

Si conferma quindi  Le élite USA tentano di distruggere l’Europa usando gli immigrati



   

 

 

1 Commento per “L’insulto della multinazionale Amazon: niente soldi ai senzatetto tedeschi”

  1. genocidio in nome della tolleranza. finchè non si userà la violenza, continueranno a distruggere i popoli europei ed a demonizzare chi si oppone a questo processo

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -