Caso Marò, ecco come l’India ricatta l’Italia

 

maroL’India sta segretamente negoziando una “road map” con l’Italia per porre fine a quattro anni di battaglie diplomatiche legate all’arresto dei due fucilieri di Marina Massimiliano Latorre e Salvatore Girone.

L’accordo tra Nuova Delhi e Roma, scrive oggi il ‘Telegraphindia’ che cita tre alti funzionari indiani, “richiederà a ciascuna delle parti di accettare le richieste chiave dell’altra” e stabilisce che “il negoziato non dovrà in alcun modo interferire con gli aspetti legali del caso esaminato dalla Corte suprema indiana e dal Tribunale internazionale del diritto del mare (ITLOS) e che non dovrà proporre accordi extragiudiziari”.

Se la trattativa avrà successo, il governo indiano “non si opporrà alla richiesta italiana presentata davanti alla Corte suprema di permettere a Salvatore Girone, uno dei due marò accusati di aver ucciso due pescatori di Kerala il 15 febbraio 2012, di ritornare in Italia”. Massimiliano Latorre, l’altro marine, è già in Italia.

Secondo ‘Telegraphindia’, prima di questo l’Italia dovrà impegnarsi a ritirare le sue obiezioni all’adesione di Nuova Delhi a quattro importanti organismi di controllo delle modalità di esportazione: il Gruppo dei fornitori nucleari (NSG), il Missile Technology Control Regime (Mtcr), il Wassenaar Arrangement e l’Australia Group.

L’India vorrebbe inoltre che Roma allenti le pressioni esercitate sull’Unione europea contro un’accelerazione di accordi commerciali con New Delhi e che si impegni davanti alla Corte Suprema a rimandare Latorre e Girone in India per essere processati qualora la Cpa si esprimesse a favore di essa sul tema della giurisdizione. ADNKRONOS



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -