Il 2015 è stato un anno d’inferno per l’Europa, il 2016 potrebbe essere peggio

 

L’anno che sta per finire ha generato un sacco di crisi nell’Unione europea e ha accentuato quelle già esistenti. Il quadro geopolitico del mondo è molto cambiato, e i leader europei sono troppo preoccupati per la soluzione di problemi interni per agire insieme, scrive un commentatore dell’agenzia Reuters.

euro

Per l’Unione Europea il 2015 è diventato “un anno d’inferno” e il prossimo, il 2016, potrebbe rivelarsi ancora peggio, scrive un giornalista dell’agenzia Reuters. “E se gli inglesi votano per lasciare il blocco, l’anno prossimo potrebbe essere ancora peggio”, scrive l’autore dell’articolo. A suo parere, l’Europa non viveva uno shock così duro dai tempi della caduta del muro di Berlino nel 1989. Ma se allora i cambiamenti sono stati la spinta verso l’integrazione europea, le crisi del 2015 hanno rischiano di rompere in pezzi l’UE. Due anni dopo il ritiro della cortina di ferro è stato firmato il trattato sull’Unione Europea, per i seguenti 15 anni abbiamo visto l’allargamento dell’Unione Europea e della NATO fino ai confini della Russia, dell’Ucraina e della Bielorussia.

“Sembra che questo confermi le previsioni del padre fondatore dell’Unione Europea Jean Monnet che l’Europa si espande attraverso le crisi. Le crisi politiche ed economiche di quest’anno, il flusso di migranti, il debito greco, il terrorismo islamico e il confronto con la Russia, hanno portato al ritorno del controllo delle frontiere, all’aumento delle forze politiche populiste avversarie dell’Unione Europea, e alle accuse reciproche tra i governi dell’Unione Europea”, si legge nell’articolo.

Il capo della Commissione europea, Jean-Claude Juncker ha avvertito che il formato del trattato di Schengen è in pericolo, e se le frontiere interne dell’UE chiuderanno, l’euro difficilmente sopravviverà.

La posizione del cancelliere tedesco angela Merkel: per i rifugiati ho ricevuto un debole sostegno dai partner dell’UE, la maggior parte dei quali insiste sull’inasprire il controllo alle frontiere e non ha accolto favorevolmente l’aumento del numero di rifugiati nei loro paesi. Il confronto di alcuni politici europei con la Merkel si è rafforzato a causa della sua politica di austerità, ma anche a causa di un doppio standard nel rapporto con la Russia.

“I principali leader europei sono cosi politicamente deboli e così preoccupati per la soluzione dei problemi interni che semplicemente non sono in grado di adottare le necessarie soluzioni collettive”, scrive l’autore. Così, a suo parere, l’influenza della Francia in Europa diminuisce a causa della sua debolezza economica. Il premier Britannico David Cameron si preoccupa solo di vincere il “pericoloso referendum” per l’uscita della gran Bretagna dall’Unione Europea. Se la seconda maggiore economia d’Europa e una delle sue due principali potenze militari sarà il primo paese a votare per l’uscita dall’Unione, questo potrebbe essere un colpo devastante per l’intero blocco.

it.sputniknews.com



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -