Cartella Equitalia di 518mila euro a pensionata 80enne: “Mi sento male”

 

VENEZIA – Quella “maledetta” raccomandata di Equitalia è arrivata proprio nei giorni delle feste di fine anno.

Una pensionata veneziana di 80 anni non poteva credere ai propri occhi quando l’ha aperta: dentro, come racconta Il Gazzettino, c’era una lunga serie di cartelle esattoriali, provenienti per lo più dall’Inps e dalla Camera di Commercio, e relativa a un negozio che la pensionata ha gestito in centro storico a Venezia fino al marzo del 1999, quando ha ceduto l’attività.

Importo da pagare: 518mila euro. La signora ha prima reagito con stupore, poi sono arrivate le richieste di chiarimento alla figlia, le lacrime e l’inevitabile malore:

Ho guardato più volte l’importo e ho chiesto conferma anche a mia figlia. Ho pensato anche a uno scherzo ma poi mi sono sentita male. Quando ho aperto la busta di Equitalia sono rimasta di stucco. Mi sono ritrovata una sfilza di cartelle in ordine cronologico: dal 1989 al 2012. Molte sono dell’Inps, le altre della Camera di Commercio. Tutte si riferiscono all’attività che ho gestito fino al 1999. Ho guardato più volte la somma finale, che è di 518 mila euro, e ho sperato fino alla fine di sbagliarmi. Invece poi mia figlia mi ha confermato che si trattava proprio di mezzo milione di euro. E dove posso mai trovarli?

La signora si è rivolta ad un ufficio legale, quello dell’Adico, che ha chiesto la cancellazione delle cartelle. Equitalia, per ora, ha risposto proponendo un piano di rateizzazione.

today.it



   

 

 

1 Commento per “Cartella Equitalia di 518mila euro a pensionata 80enne: “Mi sento male””

  1. E’ mafia lo stato “italiano”.

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -