Siria: scomparso un padre francescano mentre tornava dalla Turchia

 

Si teme un nuovo sequestro di un religioso cristiano in Siria: da mercoledì scorso, antivigilia di Natale, non si hanno infatti più notizie del padre francescano Dhiya Azziz, 41 anni, parroco di Yacoubieh, che era già stato rapito e rilasciato nel luglio scorso. Il sacerdote, originario di Mosul, in Iraq, stava tornando in taxi dalla Turchia dove era andato a trovare i parenti che sono fuggiti da Karakosh, in Iraq, dopo l’occupazione dell’Isis.

padre-Dhiya-Azziz

Secondo quanto riferito dalla Custodia di Terra Santa, che ha avviato contatti con le fazioni presenti nell’area, è ipotizzabile che sia stato “preso da qualche gruppo” a Yacoubieh, nella provincia nord-occidentale di Idlib. Padre Dhiya è entrato nell’ordine dei francescani nel 2002 e l’anno successivo si è trasferito in Egitto, dove è rimasto per diversi anni. Nel 2010 è rientrato nella Custodia di Terra Santa ed è stato inviato ad Amman. Successivamente trasferito in Siria, a Latakia, si era reso poi volontariamente disponibile ad assistere la comunità di Yacoubieh, nella regione dell’Oronte (provincia di Idlib, distretto di Jisr al-Chougour), molto pericolosa per la presenza dei ribelli qaedisti di Jabhat al-Nusra.

Proprio un “emiro” di al-Nusra aveva rivendicato il suo breve sequestro, a luglio, dopo che gli aveva chiesto invano di rimuovere i simboli cristiani all’interno della sua parrocchia. (AGI)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -