L’ONU porta in Turchia 350 feriti dell’esercito fedele a Assad

 

In Siria con l’intervento delle Nazioni Unite le milizie antigovernative e il regime di Bashar al Assad hanno sottoscritto un accordo per garantire l’evacuazione dei feriti da 3 città. Si tratta di zone sotto assedio e attraversate dai combattimenti.

Almeno 130 persone, tra ribelli e civili sono stati trasferiti dalla città di Zabadani verso il Libano. In seguito raggiungeranno la Turchia.

Al tempo stesso altre 350 persone, dell’esercito fedele a Damasco e civili di 2 località sciite nella provincia di Idlib nel nord-ovest del Paese sono state evacuate già verso la Turchia.

A garantire i trasferimenti sono intervenute una trentina di ambulanze della Croce Rossa Libanese.

Un accordo simile sotto l’egida dell’Onu è stato raggiunto anche per mettere in salvo nei prossimi giorni almeno 4 mila persone nella periferia di Damasco.



   

 

 

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -