Gb, Times: la comunità islamica non collabora nella lotta contro il terrorismo

isis-londra

 

La comunità musulmana britannica non collabora alle attività antiterrorismo del governo. Lo dimostrano – riferisce il Times – i dati sulle segnalazioni presentate nei primi sei mesi del 2015 al programma di prevenzione (Prevent) degli atti terroristici organizzato dal governo: in totale sono state 3.288 e solo l’8,6% (280) provenivano da membri dalla comunità musulmana.

Il dato, scrive il Times, alimenta i dubbi, e nell’estrema destra conferma la loro certezza, che la comunità musulmana si stia rifiutando di fornire alla polizia quegli elementi utili a prevenire attentati terroristici.

Questo mese la comunità islamica di Walthan Forest (sobborgo a nord-est di Londra) ha formalmente annunciato che boicotterà il programma di prevenzione. Lo stesso intende fare i leader musulmani di Newham, altro sobborgo della capitale, denunciando `Prevent´ come un sistema di «spionaggio dei nostri giovani».

Non tutti i musulmani sono terroristi, ma tutti i musulmani sono jihadisti (c’è chi ancora non vuole capire)

Stando alle cifre fornite dlala polizia, alla fine di ottobre c’erano stati 1.355 ragazzi sotto i 18 anni `segnalati, al sistema ´Prevent’ contro i 466 di tutto il 2014. Indice che il rischio radicalizzazione, anteprima dell’adesione a Isis, è reale.

 


 

ImolaOggi.it è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait. Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215
oppure fai una donazione con PayPal





   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -