Erdogan aiuta i militanti del blocco della Crimea

renzi-erdogan

 

In Ucraina viene creato un battaglione dei tartari di Crimea di 560 uomini che intende “pattugliare” i confini della penisola. Lenur Islyamov, uno degli organizzatori del blocco della Crimea, ha comunicato che Turchia fornirà ai membri del battaglione divise e scarpe. Islyamov ha dichiarato che il ministero della Difesa turco ha già cominciato a fornire aiuti militari ai volontari del battaglione.

L’attivista ha informato che al momento l’attività è finanziata attraverso la raccolta dei fondi, mentre la Turchia fornirà divise e scarpe che devono arrivare prossimamente.

Lenur Islyamov, che in Russia è stato accusato in contumacia di sabotaggio, ha esortato a mantenere il blocco energetico della Crimea e ad ampliare il blocco alimentare (genocidio?, ndr). Secondo lui, si possono usare dei “piccoli motoscafi per attaccare le navi che portano merci in Crimea”. Tuttavia ciò sarebbe una misura estrema, mentre esistono dei modi “più pratici” per organizzare il blocco navale della penisola.

Per quanto riguarda l’obiettivo del nuovo battaglione, Islyamov ha detto che lo scopo è quello di “colpire come e dove solo noi potremo sapere”.
Le dichiarazioni dell’attivista tartaro sono state seguite da un commento da parte del governatore di Sebastopoli Sergey Menyaylo.

Non è giusto. È una nuova pugnalata alle spalle della Russia. La Turchia sta mostrando il suo vero volto. L’ha mostrato quando ha abbattuto il nostro aereo e ha cercato di mostrarlo durante l’incidente in mare che ha riguardato il loro peschereccio“, — ha detto Manyaylo.

it.sputniknews.com+



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -