Isis, audio di al-Baghdadi su Twitter: i raid non ci hanno indeboliti

 

In un nuovo messaggio audio pubblicato su account Twitter legati allo Stato islamico e attribuito ad Abu Bakr al-Baghdadi, il leader dell’Isis afferma che i raid aerei della Russia e della coalizione anti Isis (quali raid della coalizione anti-Isis??? quelli che miravano a rafforzarli?) )  guidata dagli Stati Uniti non sono riusciti a indebolire il gruppo.

“Siate fiduciosi che Dio garantirà la vittoria a coloro che lo adorano”, si sente nell’audiomessaggio. “Più intensa è la guerra contro” lo Stato islamico “più puro e duro diventa”, prosegue. Fonte Reuters – Traduzione LaPresse

Nel frattempo, mentre i terroristi lanciano tranquillamente i loro tweeet, Twitter promette di mettere fine agli attacchi dei cosiddetti troll, gli utenti che – nascondendosi dietro anonimato o identità fittizie – inondano il social network di messaggi indesiderati e provocatori, prendendo spesso di mira un personaggio conosciuto. Il reponsabile per l’Europa di Twitter, Bruce Daisley, ha spiegato al giornale britannico The Independent che, in occasione del decimo anno di vita del social network, l’impegno ad evitare gli attacchi dei troll si farà più intenso.Un gran numero di utenti Twitter, soprattutto tra gli attori e i politici, si è visti costretto a chiudere i loro account dopo essere diventati vittime di troll, che approfittano del vasto pubblico di Twitter, social network che conta 320 milioni di utenti. La parlamentare britannica Stella Creasy, ad esempio, è stata minacciata di stupro da una persona poi incarcerata. Sara Payne, madre di una giovane studentessa uccisa, ha invece abbandonato Twitter dopo aver ricevuto offese insostenibili. (LaPresse/PA)



   

 

 

Commenti chiusi

ImolaOggi.it
è on line dal 1997 senza sponsor, banner pubblicitari o click bait.
Da Giugno 2015, per conservare autonomia e indipendenza, c’è bisogno anche del tuo contributo.

IBAN: IT78H0760105138288212688215

oppure fai una donazione con PayPal

Consigliati

Avvertimento al mondo: la follia degli USA e della NATO

Barack Obama, Anders Fogh RasmussenHerbert E. Meyer, un pazzo che per un periodo aveva  occupato il ruolo di assistente speciale del direttore della CIA durante l’amministrazione Reagan, ha scritto un articolo invitando all’assassinio del presidente russo Vladimir Putin. Se dobbiamo “farlo uscire dal Cremlino con i piedi in avanti e un foro di proiettile nella nuca, non avremmo problemi”.

Siamo in balia di criminali pronti a “schiacciarci” letteralmente per i loro interessi

merkel-draghi... ‘tu puoi mettere i tuoi piedi sul collo dei greci, se è quello che volete”. Ma dovete mandare un messaggio di rassicurazione all’Europa e al mondo che lo farete insieme e non divisi mentre date questa lezione ai greci.  Li schiacceremo’ era l’atteggiamento di tutti loro

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -