Il M5S visto da dentro, “deriva autoritaria; contano solo i click sui blog”

 

 

Saverio Galardi, 23 anni. consigliere comunale di Reggello (Firenze) lascia il movimento 5 stelle nel 2014 per “totale dissenso verso la deriva autoritaria e antidemocratica”. Anche altri attivisti e consiglieri toscani  hanno abbandonato il  M5S perché “non rappresenta più i principi fondanti per i quali ci siamo attivati e che ci hanno portato a entrare con entusiasmo in tale forza politica”.

Con la sua decisione, Saverio non ha guadagnato nulla ma, pur di rimanere coerente con i suoi ideali, ha scelto di lasciare quel “partito” con il quale ha lavorato per anni. Fra le altre cose dice “Contano solo i click al blog, il movimento non dovrebbe superare il 12%”.

Se siete simpatizzanti del M5S e le informazioni vi arrivano solo dalle pagine Facebook di Beppe Grillo e della dirigenza 5S, provate ad ascoltare le motivazioni di Galardi… Scoprirete cosa succede realmente dentro il Movimento, andando oltre l’apparenza “rivoluzionaria”.

Intervista di losai.eu.



   

 

 

2 Commenti per “Il M5S visto da dentro, “deriva autoritaria; contano solo i click sui blog””

  1. diventa imprescindibile la figura del notaio che tiene il registro iscritti e provvede al sorteggio candidati
    ma a genova non si trova un notaio disponibile,pagando ben si intende

  2. si tratta del mov.to ASTE (astenuti)

Commenti chiusi

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2016 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -