Tra sacro e profano, il colossale cantiere della formazione degli imam in Francia

 

“L’Islam siete voi, miei futuri dirigenti”, ha pronunciato ai suoi studenti il professore Missoum Chaoui, qualche settimana dopo gli attentati jihadisti che hanno ucciso 130 persone a Parigi.

formazione-imam-francia

Le comunità musulmane francesi fanno molte domande da porre ai loro imam.

“Se posso uscire, io non sarò che un giovane di pessima strada, se andrà bene”. Abdel Maldji si prepara a diventare imam cappellano e, se possibile, imam; e quindi svolgere un ruolo nel contrastare discorsi oscurantisti e la radicalizzazione jihadista. Come negli anni ’50, essi sono una trentina in questo mese di dicembre a stringersi in una stanza angusta dell’Istituto Al Ghazali, tra le mura della Grande Moschea di Parigi

Gli studenti seguono i corsi in arabo e in francese: due anni per diventare cappellani (carceri, ospedali, eserciti) quattro anni per diventare imam, studiando scienze religiose, “materie profane”, ecc.. neutralità dello Stato nei confronti delle religioni, uguaglianza tra uomo e donna. … Domande e risposte varie … Il terrorismo non ha religione.

“L’Islam siete voi, i suoi futuri dirigenti”, ha pronunciato ai suoi studenti il professore Missoum Chaoui, qualche settimane dopo gli attacchi jihadisti che hanno ucciso 130 persone nella capitale. “C’è poca formazione per 2.500 moschee”, fa notare uno studente.

Verso un “abilitazione” degli imam in Francia.
Di fronte alla necessità, il governo continua a scommettere sui paese di origine, ma ha cominciato a firmare impegni bilaterali per consolidare la formazione che viene profusa lì. Un accordo con Algeri renderà obbligatoria l’iscrizione ad una laurea laica dei dirigenti che arrivano in Francia  e cinquanta imam francesi potrebbero seguire ogni anno a l’Istituto Mohammed VI di Rabat un insegnamento religioso completato da un modulo laico in Francia o in Marocco.

Appena la metà dai 1600-1800 imam officianti in Francia è affiliata ad una federazione.  Fra questi imam circa 300 sono direttamente “distaccati” da Algeria, Marocco o  Turchia”. Il presidente del Consiglio francese del culto musulmano (CFCM), Anouar Kbibech dice che gli altri imam sono improvvisati e a volte auto-proclamati” . “Dobbiamo assicurare agli imam una minima formazione per consentire loro di svolgere un discorso conforme sia ai precetti dell’Islam che ai valori della Repubblica”, spiega all’AFP. Ha annunciato una “certificazione” degli imam, ma i contorni di questo progetto rimangono vaghi, e in tutti i casi la propaganda jihadista si diffonde ampiamente lontana dalle moschee, su Internet e in carcere.

Anche in ambito sunnita – quindi senza clero – le comunità musulmane francesi chiedono molto ai loro imam, letteralmente “quello che è davanti, che guida” la preghiera: conoscenza del Corano, talento per  sostenere il pulpito per il sermone del Venerdì, l’attitudine a consigliare i fedeli, in particolare i giovani …
Gli imam stranieri “ci hanno reso un servizio e non metteremo mai in dubbio la loro formazione teologica,  ma i loro discorsi e il loro livello di francese non sono sempre adatti alle nostre realtà sociali”, ha detto Missoum Chaoui, cappellano del carcere nell’Ile di France.

Sfruttando le iniziative già esistenti, “il livello migliorerà”, prevede Solenne Jouanneau, ma “il livello di formazione è solo una parte del capitale di legittimità di un imam. La maggior parte dei tentativi dello Stato non tiene conto del modo in cui le comunità li scelgono”, osserva il politologo, citando il “carisma”, “tutta una serie di affinità elettive”, la “maniera di recitare il Corano”, etc.

Il presidente di una moschea di Clichy-la-Garenne (Hauts-de-Seine), Miloud Cheulafi studia all’Istituto al-Ghazali solo per verificare le attitudini dei religiosi della sua associazione. “Se devo tenere un discorso, io devo conoscere il suo livello e imparare a gestirlo.” “Se posso diventare imam, io lo diventerò”, ha detto Abdel Maldji, ansioso di dimostrare una buona padronanza sia della lingua araba che del francese: “Quando abbiamo la padronanza delle due lingue, possiamo far passare un buon messaggio. ”

www.lorientlejour.com



   

 

 

Commenti chiusi

Se segui ImolaOggi.it
fai una donazione!

Grazie al tuo contributo, ci aiuterai
a mantenere la nostra indipendenza
Grazie per la tua donazione!


IBAN: IT78H0760105138288212688215

Donazione con PostePay
5333 1710 1181 9972
codice fiscale MNCRND56A30F717K

oppure fai una donazione con PayPal

Le pubblicazioni sul Sito Imolaoggi.it non hanno alcun carattere di periodicita'              © 2017 Imola Oggi. All Rights Reserved. Accedi -